Famiglia, relazioni affettive  -  Giuseppe Piccardo  -  21/05/2022

La Cassazione conferma il proprio orientamento in materia di diritto di abitazione a favore del coniuge superstite - Cass. 28.5.2021, n. 15000

La sentenza in commento riguarda il contenzioso giudiziario avviato dalla coniuge di secondo letto

del de cuius, per la divisione dei beni immobili  caduti in successione, tra i quali vi è un immobile occupato dalla prima prima moglie del de cuius medesimo. Parte attrice chiede, altresì, la condanna della convenuta al pagamento di una indennità per l'occupazione dell'immobile. La prima moglie del defunto chiede, inoltre la condanna della stessa alla restituzione dei beni mobili e dei gioielli

presenti nell'immobile suddetto. Parte convenuta aderisce alla domanda di divisione, chiedendone la

dilazione, ma in via riconvenzionale  ritiene possa pretendere riconoscimento del diritto di abitazione nell'appartamento che occupa, ai sensi dell’articolo 540 c.c.. Il Tribunale, dichiarata aperta la successione del de cuius, rigetta la domanda della ex moglie, così come le richieste della seconda moglie del defunto, e accoglie la domanda di divisione ereditaria. 

La sentenza viene appellata dalla seconda moglie, mentre la prima moglie del de cuius ed i figli del medesimo, propongono appello incidentale. 

I Giudici di secondo grado rigettano l'appello principale e dichiarano inammissibile quello incidentale, non ritenendo sussistere il diritto abitazione sulla casa coniugale, ai sensi dell’articolo 540 c.c., a favore dell’ultima coniuge del defunto, in quanto in comproprietà non con quest’ultima, ma con la prima moglie del de cuius. "

La Suprema Corte conferma la sentenza di secondo grado, ribadendo il principio già espresso nella

precedente sentenza 23 maggio 2000, n. 6691, secondo la quale "A norma dell'art. 540 cod. civ., il

presupposto perché sorgano a favore del coniuge superstite i diritti di abitazione della casa adibita

a residenza familiare e di uso dei mobili che la arredano è che la suddetta casa e il relativo

arredamento siano di proprietà del "de cuius" o in comunione tra lui e il coniuge, con la

conseguenza che deve negarsi la configurabilità dei suddetti diritti nell'ipotesi in cui la casa

familiare sia in comunione tra il coniuge defunto ed un terzo".

I Giudici di legittimità, dunque, confermano il proprio costante orientamento, conformandosi alla

giurisprudenza prevalente, secondo il quale, nel caso di comproprietà dell’immobile tra il de cuius e un terzo, al coniuge superstite spetterebbe, comunque, l’equivalente monetario del valore del diritto di abitazione e dei mobili che lo corredano, in analogia con la divisione ereditaria, nella quale, nel caso di impossibilità di separazione fisica dell’immobile, viene riconosciuto l’equivalente monetario dei diritti spettanti  al condividente sull’immobile  caduto in successione (per tale motivo, nel caso di specie, i giudici di secondo grado precisano circa l’impossibilità di  corresponsione di un indennizzo alla parte avente diritto, con conseguente obbligo di respingere la domanda proposta).

In caso di comproprietà dell’immobile tra de cuius e terzo, peraltro, la ratio del disposto dell’articolo 540 c.c., sarebbe molto affievolito, in quanto non si tratterebbe del coniuge che con il

de cuius ha goduto della casa familiare e condiviso, quindi, con il medesimo, momenti di vita

coniugale; proprio per questa ragione si giustifica un diverso trattamento nei confronti di chi non rivesta la qualità di coniuge superstite, rispetto a chi non rivesta tale qualità.

Infine, per completezza di commento. si precisa che con la sentenza in commento la Cassazione

conferma la tesi, condivisa dalla dottrina più autorevole e dalla più recente giurisprudenza (v. di recente Cass. 27.1.2016 n. 1588), secondo la quale l’articolo 540 c.c. prevederebbe un c.d. “Legato ex lege”, che lo rende autonomo rispetto alla vocazione a titolo universale, con la conseguenza che  la rinuncia all’eredità da parte del coniuge, non comporta anche rinuncia ai diritti di cui all’articolo 540 c.c.




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film