Persona, diritti personalità  -  Maria Rita Mottola  -  07/01/2022

Novità nella galassia dei ricorsi avverso obbligo vaccinale

Normalmente non siamo usi pubblicare notizie di processi ancora in itinere e sub iudice, ma il momento attuale non ha nulla di normale e il DPCM appena varato e non ancora pubblicato determina un allarme sociale e giuridico tale da consentirci di abbandonare la ritrosia del passato e parlare di un tentativo posto in atto da un gruppo di avvocati torinesi su uno studio di una cara amica.

L’idea è quella di far entrare nelle aule giudiziarie la scienza. Sì avete capito bene la scienza quella che sta dettando le norme, quella che oggi dice bianco e domani nero, quella sulla quale si basano i provvedimenti legislativi degli ultimi due anni in una sorta di pingpong tra politica e scienziati così che nessuno di loro si assume le proprie  responsabilità.

Viene, quindi, chiesto attraverso uno strumento giuridico ordinario e ampiamente utilizzato nei tribunali italiani il cui esperimento in alcuni casi è addirittura ritenuto obbligatorio a pena di improcedibilità della causa di merito, di procedersi con un accertamento delle reali condizioni di salute e di utilità del trattamento medico a cui si vorrebbero sottoporre i lavoratori obbligatoriamente.

Quale motivazione potrebbe indurre il giudicante a disattendere tale strumento utile al cittadino e alla Giustizia, utile a far chiarezza e ad accertare le reali condizioni che sostengono tutto l’impianto legislativo emergenziale? Si può avere paura del lupo ma chi mai potrebbe avere paura di Pierino?

 

Si allega testo del comunicato stampa.


Allegati



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

immagine articolo

Video & Film


Articoli correlati