Diritto, procedura, esecuzione penale  -  Redazione P&D  -  12/01/2023

Lesioni aggravate dal metodo mafioso e sequestro di persona, stop al processo per tre boss con la riforma Cartabia

Le vittime interpellate dal giudice, come prevede la nuova norma, si sono rifiutate di denunciare i capimafia

----

Giuseppe Calvaruso, il reggente del mandamento mafioso del rione di Palermo Pagliarelli, e i boss Giovanni Calvaruso e Silvestre Maniscalco non verranno processati per i reati di lesioni aggravate dal metodo mafioso e sequestro di persona sfruttando la modifica delle condizioni di procedibilità per alcuni reati prevista dalla riforma della giustizia Cartabia. Sono indagati e sottoposti a misura cautelare in carcere. Eppure, la Direzione distrettuale antimafia di Palermo sarà costretta a chiedere l'inefficacia della misura per i tre boss perché entrambi i capi d'accusa dal 31 dicembre sono procedibili solo dopo querela di parte.

----

Nelle scorse settimane le vittime sono state interpellate dal giudice come prevede la nuova norma e si sono rifiutate di denunciare i capimafia. Alla procura guidata da Maurizio de Lucia non è rimasto che chiedere la revoca della misura cautelare. Secondo quanto emerso dalle indagini, a seguito delle quali i tre furono arrestati, gli indagati sarebbero responsabili del sequestro e del pestaggio di due persone ritenute dalla cosca responsabili di una rapina non autorizzata da Cosa nostra. I tre capi rimarranno comunque in carcere perché destinatari di altre misure cautelari, ma la questione allarma i magistrati perché il caso si può riproporre

 




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati