Ambiente, Beni culturali  -  Redazione P&D  -  01/02/2024

Gare l'amministratore di sostegno no è solo questione di pagare le bollette e gestire il conto in banca, non ci sono solo le questioni economiche

Pensiamo alle questioni della  salute: dare un consenso informato, scegliere se andare o meno in casa di riposo… sono scelte difficili.

Oltretutto le cose sono semplici quando il beneficiario è d'accordo con quello che fai come amministratore, ma solitamente questo non accade: soprattutto nei casi di dipendenze, la persona è oppositiva, si creano attriti e conflitti. In generale l'amministratore di sostegno deve in qualche modo assicurarsi che quella persona rispetti anche i diritti degli altri, oltre che impedire che il beneficiario venga spolpato da qualche sciacallo.

Oppure si pensi a una persona tossicodipendente o con problemi di gioco patologico: quel che l’amministratore deve fare per adempiere al suo incarico protettivo sarà spesso ciò che il mandante non vuole più, o viceversa.

Quindi pur tenendo salda la disposizione di non comprimere la volontà della persona, l’amministratore di sostegno deve anche dire dei “no”: tutti fanno finta che questo problema non esista, ma c’è.

Trovare il punto di equilibrio è delicato.

La Convezione Onu del 2006 talora “dimentica” questo aspetto, in modo un po’ antipsichiatrico.




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati