Ambiente, Beni culturali  -  Redazione P&D  -  08/10/2023

Allarme inquinamento, ogni giorno in Italia 140 vittime dello smog

 “LA PIANURA PADANA TRA LE AREE PIÙ A RISCHIO”

--------------

I dati di Openpolis sul particolato fine: oltre 53 mila morti evitabili ogni anno nell’ultimo decennio

--------------

Allarme inquinamento, ogni giorno in Italia 140 vittime dello smog: “La Pianura Padana tra le aree più a rischio”

--------------

TORINO. Ogni giorno, in Italia, 140 persone muoiono a causa dell’inquinamento. E la Pianura Padana è la zona con il più alto rischio. L’aria «velenosa» è fra le cause che aggravano fino all’estremo condizioni di salute già precarie o gravi. Un bollettino tragico che significa 53 mila morti evitabili ogni anno.

----------------

Sono gli allarmanti numeri del nuovo report di Openpolis. «La situazione è critica in tutta l’Unione europea – si legge nel documento online – anche se è in fase di miglioramento. Tuttavia, il nostro Paese è uno di quelli che mostra gli avanzamenti più modesti». Un fitto strato di foschia, fumi e polvere sottili sovrasta le nostre giornate dei mesi freddi. Colpa anche della complessa morfologia: le Alpi circondano da ogni lato il nord Italia e i lunghi periodi anticiclonici fanno il resto, impedendo il ricambio dell’aria.

-------------

Secondo l’organizzazione mondiale della sanità, nel mondo 6,7 milioni di persone ogni anno muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico, presente sia nell’ambiente esterno che dentro casa. In Europa esso rappresenta il principale fattore di rischio per la salute. «Tra le sostanze più pericolose – continua il report –, l’Oms individua il particolato (Pm), il biossido di azoto (No2), il biossido di zolfo (So2) e l’ozono troposferico (O3)». Il particolato fine rappresenta «un fattore di rischio particolarmente rilevante per via delle dimensioni estremamente ridotte delle sue particelle – inferiori ai 2,5 micrometri di diametro –, che gli permettono di raggiungere in profondità il sistema respiratorio umano. Entrando anche nel sangue, si sparge in tutti gli organi e i tessuti». Le conseguenze: ischemie, tumori ai polmoni e patologie respiratorie acute e croniche come l’asma, effetti sul sistema nervoso e riproduttivo.

In Europa nel 2020, l’ultimo anno per cui sono disponibili i dati, «circa 238mila persone sono morte prematuramente a causa del Pm2,5. Un dato in calo da alcuni anni – nel 2011 il valore era pari a oltre 392mila –, ma in aumento rispetto al 2019. Parliamo, complessivamente, di 2,4 milioni di anni di vita persi a causa degli effetti del particolato fine». Ma è proprio l’Italia a detenere il record negativo

 

 




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati