Varie - Varie -  Redazione P&D - 06/01/2021

Giurisprudenza: varie

\\\\

 

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO - La nomina dell'amministratore di sostegno deve privilegiare il rispetto dell'autodeterminazione dell'interessato

>>>  In materia di amministrazione di sostegno, una volta riscontrata la necessità di proteggere la persona, in quanto capace ma in stato di fragilità, qualora questa sia già assicurata da una rete familiare organizzata a ciò funzionale e l’interessato si opponga in modo giustificato all’attivazione dell’istituto, il ricorso a quest’ultimo non è giustificato.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 29981/20; depositata il 31 dicembre)

-----

MALTRATTAMENTI - Maltrattamenti in famiglia: quando si configura la violenza assistita?

>>>  La Corte di Cassazione chiarisce in presenza di quali elementi può parlarsi di violenza assistita o di violenza percepita da parte di minori vittime indirette dei reati di stalking e di lesioni nei confronti della madre, e quando invece si delinea l’aggravante del fatto commesso “in presenza” di un minore, di cui all’art. 61, comma 1, n. 11 quinquies, c.p..

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 74/21; depositata il 4 gennaio)

-----

DIFFAMAZIONE - Sbagliata la foto pubblicata: condannato il direttore

>>> Il pezzo fa riferimento a condanne per alcuni componenti di un sodalizio criminoso. La foto invece ritrae un soggetto omonimo di uno dei condannati. Evidente per i Giudici l’omesso controllo da parte del direttore della testata. Irrilevante il richiamo difensivo a possibili colpe dei caporedattori.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 71/21; depositata il 4 gennaio)

-----

IMMIGRAZIONE - La tratta delle donne per la prostituzione è una forma di persecuzione ai fini della richiesta dello status di rifugiato?

>>>  Con la Convenzione di Istanbul dell’11 maggio 2011 le parti aderenti, tra cui l’Italia, si sono impegnate ad adottare le misure legislative o di altro tipo necessarie per garantire il riconoscimento della violenza contro le donne quale forma di persecuzione ai sensi dell’art. 1, sez. A, n. 2 della Convenzione relativa allo status di rifugiato del 28 luglio 1951 e come una forma di grave pregiudizio che dà luogo ad una protezione complementare o sussidiaria.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 10/21; depositata il 4 gennaio)

----

RISARCIMENTO DANNI - Spedisce un assegno via posta e un terzo lo incassa: 'chi è causa del suo mal, pianga sé stesso'

>>>>  In tema di responsabilità civile, in caso di sottrazione di un assegno e riscossione da parte di un soggetto non legittimato, laddove tale titolo sia stato spedito per posta ordinaria, ancorché munito di clausola d’intrasferibilità, sussiste un concorso di colpa del mittente.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 1, ordinanza n. 30063/20; depositata il 31 dicembre)