Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Articoli, saggi

23/04/17

Ciò che rimane - Franco Guidoni

FRANCO  GUIDONI

CIO’ CHE  RIMANE

Riflessioni brevi di un piccolo poeta-filosofo,

anche un po’ giurista

PREMESSA

Non so ancora se questo scritto ha un qualche valore.

In fondo non è altro che un raggruppamento sintetico di ciò che già si conosce, di quello che altri hanno scritto, raccolto qua e là attraverso le grandi possibilità che internet offre.

E’ per questo che non ho trascritto riferimenti bibliografici a pié di pagina o didasca ...

leggi tutto ›
 

19/04/17

Responsabilità precontrattuale: la conoscenza delle cause d'invalidità del contratto - Riccardo Mazzon

La parte che, recita l’articolo 1338 c.c., conoscendo o dovendo conoscere l'esistenza di una causa d'invalidità del contratto, non ne abbia dato notizia all'altra parte, è tenuta a risarcire il danno da questa risentito per avere confidato, senza sua colpa, nella validità del contratto medesimo; ed, in effetti, la responsabilità c.d. precontrattuale trova il suo paradigma normativo - non solo nell’articolo 1337 c.c. ma – anche nell’art. 1338 c.c., identificandosi come istituto che tende a tutelare la libertà negoziale della parte, mettendola sì al sicuro da coartazioni od inganni inciden ...

leggi tutto ›
 

13/04/17

Giocare a pallone in luogo frequentato: il pericolo autorizza la legittima difesa? - Riccardo Mazzon

L’interessante fattispecie, concernente l'argomento in questione, decisa dal Tribunale di Genova con sentenza del 27 ottobre 2010 e sotto riportata, può essere utile, già in sede introduttiva, a chiarire gli argomenti in esame: nel caso concreto, ribadisce il Tribunale, "la minaccia era in atto e, quindi, il minore non si era limitato a provocare, ma aveva reso necessaria una reazione che, tuttavia, è risultata trasmodante".

In tale ipotesi, il giudicante stesso ricostruisce la vicenda soggetta al proprio giudizio narrando che l'attore, mino ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Ayelet Gundar- Goshen Svegliare i leoni - Mara Marantonio

 AYELET GUNDAR- GOSHEN SVEGLIARE I LENI

Titolo originale Leha’ir harayot, 2012 

Trad. Ofra Bannet e Raffaella Scardi, Casa Editrice Giuntina, Firenze, Collana Israeliana, pp. 318, €.17,00

“Quando ha investito l’uomo, stava giusto pensando di non aver visto una luna così bella…..”

Ayelet Gundar Goshen è una delle voci più suggestive della letteratura israeliana.

Ha esordito pubblicando “Una notte soltanto, Markovitch,” (2015), che le sono valsi, in Patria, il Premio Sapir  e, in Italia, il Premio Adei Wizo “Adelina Della Pergol ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Eredità e beneficio d'inventario: quando il chiamato non è nel possesso dei beni ereditari - Riccardo Mazzon

Durante i termini stabiliti dalla legge o dal giudice  per fare l'inventario e per deliberare, il chiamato all’eredità che sia in possesso dei beni ereditari,  oltre che esercitare i poteri indicati nell'articolo 460 c.c., può stare in giudizio come convenuto per rappresentare l'eredità; invece, il chiamato all'eredità che non è nel possesso di beni ereditari può accettare col beneficio di inventario fino a che il diritto di accettare non è prescritto.

Quanto al chiamato all'eredità che non sia nel possesso di beni ereditari, eg ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Processo a Gesù - Maria Beatrice Maranò

Analisi della realtà storica e delle vigenti leggi all'epoca dei fatti e del processo che ha portato Gesù alla condanna.                           di Maria Beatrice Maranò

Analizzare la realtà storica e le leggi vigenti all’epoca dei fatti e il processo che ha portato alla condanna di Gesù, non è cosa semplice La prima domanda che mi sono posta è se sia legittimo parlare di condanna nel senso giuridico del termine e cioè se tale condanna sia stata scaturigine di un vero e proprio decretum ( nel significato di sentenza di condanna, nel diritt ...

leggi tutto ›
 

07/04/17

Dopo di noi, progetto di vita ed amministrazione di sostegno: quali sono i nessi ? - Roberto Masoni

 

1. Il “dopo di noi” è legge, 2. Il progetto di vita, 3. E l'amministratore di sostegno?

 

1. Il “dopo di noi” è legge

Con titolazione assai anodina, la legge 22 giugno 2016, n. 112, detta “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare”1.

Più in particolare, come risulta dalla “finalità” indicata in esordio, essa si rivolge alle persone affette da disabilità grave2, “non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità” ...

leggi tutto ›
 

05/04/17

L’illecito quale presupposto per la reazione dell’ordinamento giuridico: la necessaria presenza dell’offesa - Riccardo Mazzon

L’illecito civile e l’illecito penale nascono, storicamente, finalizzati al conseguimento di scopi ben distinti: mentre, invero, il primo è perseguito dall’ordinamento con l’intento di riparazione complessiva del danno subito da interessi privati, il secondo individua violazioni dell’ordine generale di tale gravità da richiedere un intervento statale diretto alla punizione del colpevole.

In entrambi i casi, peraltro, ciò che attribuisce legittimità costituzionale all’intervento statale è l’offesa conseguente all’illecito, con p ...

leggi tutto ›
 

04/04/17

A proposito delle Linee guida del Tribunale di Brindisi, Sezione Famiglia, in tema di affido condiviso e residenza alternata: una ri-lettura della Risoluzione del Consiglio d'Europa N. 2079 del 2 ottobre 2015 - E. Reale

A proposito delle Linee guida del Tribunale di Brindisi, Sezione Famiglia, in tema di affido condiviso e residenza alternata: una ri-lettura della Risoluzione  del Consiglio d'Europa N.  2079 del 2 0ttobre 2015

Elvira Reale, psicologa

La Risoluzione 2079 che propone il riequilibrio di genere nell'ambito delle cure parentali ha questi due caposaldi:

1."L’Assemblée parlementaire a de manière constante promu l’égalité entre les femmes et les hommes dans la vie professionnelle et dans la sphère privée".

2. "La coresponsabilité parental ...

leggi tutto ›
 

02/04/17

Mi viene voglia di riflettere, quindi scrivo - Francesca Sassano

Appare incredibile, oggi, leggere nella nostra società come l'involuzione della cultura, determini la follia della reazione. La difesa è un diritto ma questo messaggio non è più compreso dalla folla. Mi spiego: ormai il processo non interessa più a nessuno. Non è certo un controsenso rispetto al proliferare degli spettacoli che in tutte le ore, con diverse visuali, prendono spunto da esso.

Il processo è stato proprio per questo dissacrato ed ha perso la sua identità. Non serve nella sua funzione reale perchè è sostituito dal virtua ...

leggi tutto ›
 

02/04/17

La ragazza senza il velo e la necessità di capire l'Islam – di Valeria Cianciolo

“La studentessa di terza media di origini bengalesi si era presentata a scuola nei giorni scorsi con i capelli tagliati e aveva raccontato la sua storia agli insegnanti. La madre, secondo le prime ricostruzioni, aveva deciso di punire la figlia perché non rispettava le tradizioni e non tanto per motivi religiosi.

Dopo la denuncia della preside sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Borgo Panigale, e nel giro di poco, in coordinamento con i servizi sociali, si è arrivati al provvedimento di allontanamento dalla famiglia della 14enne e delle sue sorelle.”

Questo ci dicono grosso modo ...

leggi tutto ›
 

31/03/17

Legittima difesa e risarcimento del danno: perché la presenza di una causa di giustificazione impedisce il risarcimento - Riccardo Mazzon

Qual'è la corretta allocazione del danno perseguita dal legislatore? Perché la presenza di una causa di giustificazione impedisce il risarcimento? Il contrasto del fatto con il dovere giuridico – e, dunque, il risarcimento del potenziale danno - non risulta efficacemente (e completamente) determinabile se non avendo a mente la totalità delle regole che disciplinano l’ordinamento giuridico nel suo complesso.

La relazione di difformità implicante “ingiustizia” del fatto, ossia antigiuridicità, deve infatti considerare anche i casi nei q ...

leggi tutto ›
 

27/03/17

Ezra Pound :….un grande poeta oltre le etichette !!! - Maria Beatrice Maranò

Ezra Pound :….un grande poeta oltre le etichette !!!
di Maria Beatrice Maranò 

“Ciò che sai amare rimane, il resto è scoria ciò che sai amare non ti sarà strappato ciò che sai amare è il tuo vero retaggio il mondo, quale? Il mio, il loro o di nessuno?Prima venne la vista, poi diventò palpabile Eliso, fosse pure in quell'antro d'inferno,ciò che tu sai amare è il tuo vero retaggio ciò che tu sai amare non ti sarà strappato. La formica è centauro nel suo mondo di draghi.Deponi la tua vanità, non è l'uomo che ha fatto il coraggio, o l'o ...

leggi tutto ›
 

27/03/17

Responsabilità precontrattuale della Pubblica Amministrazione: orientamenti giurisprudenziali - Riccardo Mazzon

Particolarmente cospicua ed interessante risulta essere la giurisprudenza in tema di configurabilità della responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione laddove, a tal fine, non si deve tener conto della legittimità dell'esercizio della funzione pubblica, cristallizzato nel provvedimento amministrativo, ma della correttezza del comportamento complessivamente tenuto dall'Amministrazione, durante il corso delle trattative e della formazione del contratto.

Sulla base dei suddetti principi (cfr., amplius, il capitolo quarto del volu ...

leggi tutto ›
 

23/03/17

Falcidia IVA, esdebitazione fallimentare e sovraindebitamento – Riccardo Riccò

A lungo si è discusso circa la falcidiabilità o meno del credito IVA nelle procedure di concordato preventivo: essendo il divieto (di falcidia dell’IVA e degli altri tributi costituenti risorse proprie dell’Unione europea) espresso solo nei luoghi di “regolamento” della transazione fiscale (all’art. 182-ter, L.f.), alcuni tribunali consentivano al debitore di presentare domanda di concordato (artt. 160 s.) con proposta di pagamento solo parziale del debito IVA.

Ad es. Trib. Como, 28 genn. 2013; Id., 25 sett. 2013; Trib. Cosenza, 29 maggio 2013; Trib. Campobasso, 31 luglio 2013; App. Genova, 27 luglio 2013; Tri ...

leggi tutto ›
 

23/03/17

Danno non patrimoniale : Lo stato dell’arte - Maria Beatrice Maranò

Danno non patrimoniale : Lo stato dell’arte

Maria Beatrice Maranò

“Scorretto pensare, in ogni caso, di esaurire col semplice richiamo a un barème i discorsi sul valore che una donna può attribuire al proprio seno – non è detto che quella manciata di euro basti sempre, non si possono trascurare nel pregiudizio i particolari di fatto, non tutte le donne sono uguali a questo mondo, non è sicuro che il “danno biologico statico/tabellato” sia tale da esaurire, anche qui, ogni risvolto di esistenzialit ...

leggi tutto ›
 

23/03/17

Cause di giustificazione e ragioni che giustificano il risarcimento: l’offesa conseguente all’illecito (seconda parte) - Riccardo Mazzon

Se la clausola generale dell’ingiustizia del danno erga omnes è contenuta nell’art. 2043 c.c. (“Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”), quando il danno è ingiusto in quanto scaturente da un inadempimento a precedente rapporto obbligatorio (in personam), il suo risarcimento trova la propria disciplina nell’art. 1218 c.c.

“Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno se non prova che l’ina ...

leggi tutto ›
 

23/03/17

Progetto di vita. Oggi si vola - Paolo Cendon

Le ragioni che sono alla base (della messa a punto) del presente progetto di legge  non hanno bisogno di essere illustrate:

-        le persone disabili o fragili sono spesso, oggigiorno, abbandonate  a se stesse, galleggiano al di là delle apparenze in una specie di "quasi nulla" statutario, monco, confuso e frammentario sotto il profilo micro;

-        non siamo sicuri che chi è chiamato a prendere  decisioni sul loro conto sappia bene ciò che sta facendo, sia a conoscenza delle peculiarità storico-esistenziali dell’interessato, soprattutto di quello  che costui vuole, teme, necessita ...

leggi tutto ›
 

21/03/17

Riforma Gelli, tra interpretazioni di regime e realtà vince il contatto sociale. - Nicola Todeschini

Sto leggendo, tra gli altri, un nuovo contributo sulla recente riforma Gelli della responsabilità medica e ne traggo una certezza: esiste anche l'informazione giuridica di regime.

E' una conclusione imbarazzante ma, tutto sommato, scontata.

Le compagnie di assicurazione e le lobby hanno acceso i motori.

E' vero, ammettiamolo, che l'interpretazione di una regola risponde, in parte, alla tutela che tale interpretazione ha di mira, quando non è espressa solo per offrire un contributo imparziale agli operatori del diritto ed ai destinatari delle regole stesse, ma la partigia ...

leggi tutto ›
 

17/03/17

La retta per il paziente malato di Alzheimer, ricoverato in una Residenza sanitaria assistenziale (Rsa) è a carico dello Stato - Lorenzo Pernetti

La retta per il paziente malato di Alzheimer, ricoverato in una Residenza sanitaria assistenziale (Rsa) è a carico dello Stato e non dei familiari.

Così ha stabilito, di recente, una sentenza del tribunale di Monza (la n. 617/2017), revocando il decreto ingiuntivo della locale Rsa finalizzato ad ottenere dalla figlia di una paziente affetta da Alzheimer il pagamento di oltre 39mila euro a saldo della retta per il ricovero. Non solo. Il giudice ha anche condannato la struttura a restituire alla donna quanto già in precedenza versato per ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity