Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Legislazione e giurisprudenza
 

23/04/17

Vaccini. Per il Consiglio di Stato è legittimo l’obbligo per l’accesso all’asilo. – di Valeria Cianciolo

“Tutela della salute in età prescolare ha valore dirimente”. Questo il verdetto di Palazzo Spada.

La legittimità dell'obbligo introdotto dal Comune di Trieste era stata contestata da alcuni genitori sulla base del cosiddetto 'principio di precauzione'.

Il Consiglio di Stato (il provvedimento è in allegato) ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da due famiglie contro la sentenza del Tar del Friuli Venezia Giulia che aveva confermato la validità della delibera del Consiglio Comunale di Trieste con la quale era stato introdotto l'obbligo delle vaccinazioni per l'accesso ai servizi educativi ...

leggi tutto ›
 

21/04/17

Violenza sessuale e termine per proporre querela - Cass. Pen. 18838/17 - Francesco M. Bernicchi

Si prende in esame una recentissima sentenza della Corte di Cassazione (sez. III Penale, sentenza 20 gennaio – 19 aprile 2017, n. 18838) relativa al tema del reato di violenza sessuale e dello spirare del termine per esporre formale querela.

Il fatto, in breve: la Corte d’appello di Firenze, nel Febbraio 2016 confermava la sentenza del Tribunale di Prato con la quale M.F. era stato condannato in relazione al reato di cui agli artt. 81 comma 2, 609-bis, 61 n. 11 cod.pen. per aver costretto con violenza e minaccia, la sua dipendente S.I. , a subire, quando si trovava sul luogo di lavoro, atti sessuali plurimi. ...

leggi tutto ›
 

20/04/17

Comuni e Partecipate: debiti fuori bilancio e responsabilità erariale – Corte Conti Liguria 29/17 – Alceste Santuari

Il riconoscimento del debito fuori bilancio nei confronti di una società in house apre la strada alla responsabilità erariale

Il procedimento attraverso cui si riconosce la legittimità del debito fuori bilancio da parte dei comuni è disciplinato dall’art. 194 TUEL. Si tratta di una opzione che deve rimanere del tutto eccezionale nel panorama delle scelte discrezionali degli enti locali, atteso che esso è finalizzato a sanare una situazione patologica causata dal mancato ricorso alle procedure contabili per l’impiego delle risorse pubbliche.

Si aggiunga che l’art. 194 dispone altresì che competen ...

leggi tutto ›
 

19/04/17

Rapporti di vicinato: distanze e macchinari per i quali può sorgere pericolo di danni - Riccardo Mazzon

Accertato un pericolo per la solidità, la salubrità e la sicurezza dei fondi vicini, a prescindere da qualsiasi pericolo di danno all'incolumità delle persone, derivante dall'impianto di macchinari pericolosi, riguardati con riferimento al loro normale funzionamento secondo la destinazione loro propria, a nulla rileva la loro struttura statica.

La regola secondo cui vanno osservate le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza, vale anche ...

leggi tutto ›
 

19/04/17

Sul patto di determinazione della misura del canone "a scaletta" nelle locazioni commerciali (Cass. 22909/16 e 6474/17).-Antonio Arseni

Sono valide le clausole apposte nei contatti di locazione di immobili ad uso commerciale, con cui si prevede di aumentare progressivamente il canone di locazione fino a giungere al corrispettivo pattuito ( c.d. aumenti a  scaletta) , purchè fissate alla firma del contratto e sulla base di elementi oggettivi e predeterminati tali da far escludere l’intento elusivo di una norma imperativa di legge (art.32 L.392/1978), la cui violazione, ai fini della nullità del patto, va allegata e dimostrata da chi intende avvalersene.

 

...
leggi tutto ›
 

15/04/17

Animali maltrattati dopo la confisca: chi paga? - Cass. pen. 18167/17 - Annalisa Gasparre

Con la sentenza n. 18167/2017 la Corte di cassazione si è occupata del post confisca di cani maltrattati. 

Nella specie i cani erano stati confiscati all'allevamento: in principio furono sequestrati in relazione al reato di maltrattamento. Emesso decreto penale di condanna, accanto alla condanna dell'imputato, il sequestro si è convertito in confisca. Tuttavia i cani sono stati lasciati in custodia dell'allevamento per 315 giorni, periodo per il quale il giudice aveva liquidato una somma di denaro quale compenso per la custodia, salvo il diritto di rivalersi sui ...

leggi tutto ›
 

14/04/17

In tema di compensazione delle spese di lite - Cass. Civ. 9605/17 - C.C.

Si riceve e si pubblica una recente pronuncia in cui si è ritenuta l’erroneità della disposta compensazione integrale delle spese di lite da parte della CTR, per validi motivi, in violazione della normativa vigente ratione temporis.

leggi tutto ›
 

14/04/17

In tema di condanna alle spese dell’agente di riscossione - Cass. Civ. 9528/17 - C.C.

Si riceve e si pubblica una recente pronuncia in tema di spese di lite nella quale si ribadisce la legittimità della condanna alle spese anche dell’agente di riscossione, “pure in caso di accoglimento delle opposizioni non dovute a vizi formali o della procedura di riscossione”.

leggi tutto ›
 

14/04/17

Molestie o stalking: la parola alla Corte di cassazione – Cass. pen. 16205/17 – Annalisa Gasparre

A seguito di giudizio abbreviato, l’imputato era stato condannato ...

leggi tutto ›
 

13/04/17

Adozione. Anonimato materno e interpello – di Valeria Cianciolo

Nota a margine della Corte di Appello di Salerno, decreto del 7-8 febbraio 2017

 La l. n. 184/1983 era improntata, ab origine, a che con l’adozione si interrompesse ogni rapporto tra l’adottato e la famiglia biologica. Le norme successive, invece, registrano un’apertura verso la famiglia d’origine. Si pensi al dovere imposto ai genitori adottivi di informare il minore adottato della sua condizione (art. 24 l. 28.3.2001, n. 149). Oppure, all’abrogazione dello stesso art. 28 nella parte in cui vietava l’accesso alle informazioni in una pluralità di casi, restringendo tale divieto al solo caso del ...

leggi tutto ›
 

13/04/17

Vendita di immobile privo del certificato di agibilità valida, benché risolubile – Cass. 2294/2017 – Nelson Alberto Cimmino

Vendita di immobile privo del certificato di agibilità valida, benché risolubile – Cass. 2294/2017 – Nelson Alberto CIMMINO

 

La Suprema Corte torna ancora una volta ad occuparsi delle conseguenze della vendita di immobile privo del certificato di agibilità.

Con la sentenza in commento gli ermellini non si discostano dall’orientamento ormai consolidato (ex multis Cass. 19 dicembre 2000, n. 15969; Cass. 28 marzo 2001, n. 4513; Cass. 15 maggio 2003, n. 7529; Cass. 20 apr ...

leggi tutto ›
 

13/04/17

Distanze, confini e vedute: l'importanza del parapetto eccessivamente basso - Riccardo Mazzon

Inidoneità, in terrazzi, balconi et similia, del parapetto eccessivamente basso a consentire la configurazione di veduta: al fine di configurare la veduta di terrazze, lastrici solari e simili, è necessario infatti che queste opere, oggettivamente considerate, abbiano quale destinazione normale e permanente, anche se non esclusiva, quella di rendere possibile l'affacciarsi sull'altrui fondo vicino.

Così, qualora terrazzi, balconi et similia risultino corredati da parapetti eccessivamente bassi,

"secondo l'uso ...

leggi tutto ›
 

12/04/17

Comuni e società miste: legittima la scelta – Tar Abruzzo 152/17 – Alceste Santuari

L'obbligo di motivazione analitica di cui all'art. 5, c. 1 del D. lgs. n. 175/2016 si applica alla scelta "a monte" e non al bando per la selezione del socio privato della società mista pubblico-privata, per la gestione di determinati servizi pubblici locali.

Una società ha impugnato il bando con il quale un comune ha indetto una gara a “doppio oggetto”: per la selezione del soggetto che dovrà acquisire le quote del socio privato uscente da una società mista a partecipazione pubblica, nonché per l’attribuzione al socio privato selezionato di compiti operativi per la gestione di servizi pubblici locali (s ...

leggi tutto ›
 

12/04/17

Mediazione Civile: Responsabilità dell'Organismo di Mediazione per nullità del verbale di accordo - Trib. Palermo di Paolo F. Cuzzola

Il Tribunale di Palermo con sentenza depositata in data 25 Novembre 2016, estensore Dr. Caccamo, affronta per la prima volta nel panorama giurisprudenziale italiano un tema rimasto fino ad adesso oggetto di teorie dottrinarie.

Il Tribunale ha statuito la nullità, per mancanza di causa, di una divisione ereditaria stipulata all'esito della mediazione a cui ha partecipato un soggetto che non rivestiva la qualità di erede.

Per l'effetto di tale decisione il mediatore, e per esso l'organismo di mediazione che ha amministrato la procedura è responsabile di inadempimento contrattuale e deve risarcire i danni che ne c ...

leggi tutto ›
 

11/04/17

La prova scritta del patto sul compenso tra avvocato e cliente - Trib. Bologna n. 14315/16 - Simone Rinaldini

MATERIA: Diritto civile

PAROLE CHIAVE: compenso Avvocato, prova documentale accordo sul compenso, patto concluso tra Avvocato e Cliente, art. 2233 c.c., procedimento sommario di cognizione, art. 702 bis c.p.c.

LA PROVA SCRITTA DEL PATTO SUL COMPENSO TRA AVVOCATO E CLIENTE

“Appare evidente come in tale dichiarazione stragiudiziale la parte ricorrente abbia espressamente ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Aziende speciali e direttori generali: legittima la mancata conferma – Trib. Roma 1124/17 – Alceste Santuari

E’ legittima la scelta di un'azienda speciale, che gestisce il servizio farmaceutico, di non confermare l'incarico al direttore generale per il successivo triennio.

Un’azienda speciale del comune di Roma, il cui oggetto sociale è la gestione delle farmacie comunali, con contratto di diritto privatistico, aveva nominato un direttore generale, a termine con scadenza triennale, con la possibilità di rinnovo, in ossequio alle previsioni statutarie.

Si segnala che nel periodo in cui il ricorrente era direttore generale, erano presenti delle perdite in ogni esercizio e non si era quindi realizzata la condiz ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Spettacolo artistico "blasfemo" e pretesa di risarcimento del danno non patrimoniale - Cass. 7468/2017 - Andrea Castiglioni

L’organizzazione, e la promozione, di uno spettacolo artistico non possono ritenersi, di per sé sole, lesive del sentimento religioso di taluno che, per ragioni religiose personali, si ritiene offeso dall’esibizione artistica.


Un tale si riteneva offeso e contestava uno spettacolo artistico, nella specie un balletto, perché a suo dire avevo contenuto blasfemo per la religione cattolica. Sulla base di ciò, pretendeva di ravvisare una responsabilità da parte dell ...

leggi tutto ›
 

10/04/17

Condominio: significato di “sopraelevazione” ex articolo 1127 del codice civile - Riccardo Mazzon

Secondo recente giurisprudenza, è ravvisabile la sopraelevazione - di cui all'articolo 1127 del codice civile - solo in presenza di un intervento edificatorio che comporti lo spostamento in alto della copertura del fabbricato, tetto o lastrico solare che sia, in modo da interessare la colonna d'aria sovrastante lo stabile.

Deriva, da quanto precede, per esempio, che qualora le opere realizzate dal proprietario dell'ultimo piano siano contenute nei limiti del preesistente sottotetto (trasformato, nella specie, in terrazza), correttamente il giudice ...

leggi tutto ›
 

09/04/17

Prendere a calci un cane sgradito non è atto necessitato né tenue – Trib. Cagliari 13.7.2016 – Annalisa Gasparre

Un uomo era imputato di maltrattamento di animali perché, per crudeltà e senza necessità, cagionava lesioni ad un cane, colpendolo con un violento ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity