Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Legislazione e giurisprudenza

18/02/17

Srl: modalità previste dal codice civile per l'attuazione della scissione - Riccardo Mazzon

Attraverso la scissione una società assegna l'intero suo patrimonio a più società, preesistenti o di nuova costituzione, o parte del suo patrimonio, in tal caso anche ad una sola società, e le relative azioni o quote ai suoi soci.

Attraverso la scissione

“le ricostruzioni teoriche proposte ricalcano, in buona sostanza, quelle emerse nel dibattito dottrinale che da più lungo tempo è stato affrontato relativamente alla fusione: e ciò evidentemente in ragione delle notevoli affinità tra i due istituti” ...

leggi tutto ›
 

17/02/17

Dati sensibili: quale tutela se vi sono in gioco altri diritti? - Cass. civ. 3455/17 - Valeria De Franco

Può ritenersi sussistente il diritto di prevalenza della tutela dei dati sensibili su qualsiasi altro diritto? Secondo la Corte di Cassazione non sussiste tale prevalenza poiché le norme sulle tutela dei dati sensibili vanno coordinate e bilanciate con le norme costituzionali che tutelano altri e prevalenti diritti e con le norme civilistiche in tema di negozi giuridici.

Il caso di specie attiene alla definizione di un conflitto sorto in seguito alla divulgazione di dati attinenti lo stato di salute di un soggetto, e quindi in quanto tali “sens ...

leggi tutto ›
 

17/02/17

La risposta delle Sezioni Unite sul diritto della parte civile non appellante ad ottenere la provvisionale. – Claudia Carioti.

Con sentenza in data 15/12/2016 n. 53153 le Sezioni Unite di Cassazione hanno affermato il seguente principio di diritto: "Non viola il principio devolutivo nè il divieto di reformatio in peius la sentenza di appello che accolga la richiesta di una provvisionale proposta per la prima volta in quel giudizio dalla parte civile non appellante".

Nel caso in esame, la Corte di Appello di Milano aveva concesso una provvisionale in favore della parte civile non appellante, come richiesto in sede di discussione; avverso tale capo della sentenza l’imputato ...

leggi tutto ›
 

16/02/17

T. Paola 9.1.2017 Diffamazione online e link di pubblicazione sentenza - Sabrina PERON

Il caso

 Con ordinanza in data 19.08.2016 data il Tribunale di Paola respingeva il ricorso cautelare promosso in via d’urgenza per ottenere la rimozione dalla pagina facebook e da un sito internet della resistente, un articolo ritenuto diffamatorio dalla società ricorrente (un istituto di credito).

In sede di reclamo, il Tribunale di Paola,  con ordinanza del 09.01.2017 che qui si pubblica, in parziale accoglimento del reclamo proposto, ha ordinato alla resistente/reclamata di: (i) “correggere” la notizia inserendo nella pagina on-line in cui l’articolo e ...

leggi tutto ›
 

15/02/17

Estorsione in famiglia: al diniego di denaro il marito la schiaffeggia – Cass. pen. 2458/17 – A.G.

Vera e propria estorsione quella con cui l’uomo, tossicodipendente, di fronte al diniego di denaro opposto dalla moglie, la schiaffeggiava per “convincerla” ad elargire quanto richiesto.

...
leggi tutto ›
 

15/02/17

Ancora sulla residenza abituale del minore – Cass SSUU 3555/17 – Michela del Vecchio

La residenza abituale del minore deve essere individuata alla data della presentazione della domanda di affidamento a tutela dell'interesse superiore del minore stesso alla stabilità dei legami affettivi e delle relazioni sociali ed al criterio della vicinanza al luogo – centro dell'integrazione sociale del minore

 

Dell'art. 8 Reg. U.E. n. 2201/2003 si è già trattato in questa rivista ("minore – dimora stabile e domicilio – di Serrao Eugenia) precisando che il concetto di residenza abituale non è def ...

leggi tutto ›
 

15/02/17

Condominio: il condomino può rifiutare il pagamento delle spese in caso di cattivo funzionamento del servizio? - Riccardo Mazzon

Il singolo condomino non è titolare nei confronti del condominio di un diritto di natura sinallagmatica sicché egli non può rifiutare il pagamento, né pretendere la restituzione dei contributi versati, in caso di cattivo funzionamento del servizio fornito.

Il singolo condomino non è titolare, nei confronti del condominio [e a differenza del rapporto che lo lega all'amministratore: ad esempio, l'inerzia dell'amministratore a fronte delle segnalazioni dei singoli condomini in ordine alla scarsa efficienza del servizio di pulizie, nonché le dila ...

leggi tutto ›
 

14/02/17

Il controllo analogo pluripartecipato deve essere effettivo – Tar Lombardia 2474/16 – Alceste Santuari

Il controllo pluripartecipato da parte di P.A. con partecipazioni di minoranza deve rispettare talune condizioni affinché possa essere considerato controllo analogo

Una ditta, che aveva espletato il servizio di igiene urbana a favore di un comune, ha ritenuto di impugnare la deliberazione del consiglio comunale con la quale l’amministrazione ha deciso di abbandonare l’esternalizzazione del servizio a favore dell’affidamento in house a società partecipata con quote di minoranza. In particolare, l’incumbent ha lamentato che l’affidamento non poteva essere realizzato in quanto assente il requisito del cont ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Le società in house possono fallire - Cass. 3196/2017 - Andrea Castiglioni

Le società in house providing sono soggette a fallimento al pari di qualsiasi altro soggetto privato. La possibilità, per gli enti pubblici, di perseguire l’interesse pubblico mediante strumenti di carattere privato, non deve pregiudicare i terzi che maturano un legittimo affidamento nel riscontrare che la società di capitali costituita dall’ente è regolarmente iscritta al registro delle imprese. Tale iscrizione è condizione che fa acquistare al soggetto lo status di imprenditore commerciale.



...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Farmacie comunali: sì alla società mista – Cons. St. 474/17 – Alceste Santuari

E’ legittimo il bando con cui un comune dispone in merito alla costituzione di una società mista per la gestione della farmacia comunale

Un comune ha deliberato di ricorrere al modello giuridico della società mista a prevalenza privata per la costituzione e successiva gestione della farmacia comunale. Il bando di gara prescriveva l’incompatibilità, tra l’altro “tra la gestione della farmacia comunale e la posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o collaboratore di altra farmacia, con qualsiasi rapporto di lavoro pubblico o privato”, nell’ambito dei requisiti di “esecuzione” del servi ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Ancora su Corte Cost. 275/2016 – Lorenzo Pernetti

Due recenti provvedimenti giurisdizionali - uno della Corte Costituzionale, l’altro del Tribunale Ordinario di Bologna - forniscono l’occasione per riflettere in materia di disabilità e diritti.

Sotto il profilo cronologico, Corte Cost. 275/16 è del 19/10/16 (depositata il 16/12/16); l’ordinanza del Tribunale ordinario di Bologna è dell’11/11/16. Pertanto, quest’ultimo provvedimento risulta anteriore alla pronuncia della Corte Costituzionale e dunque motivato senza ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Distanze e confini: le materie umide, esplodenti o comunque altamente nocive - Riccardo Mazzon

Quanto all'identificazione delle materie umide, esplodenti ovvero comunque altamente nocive, la giurisprudenza ha valutato, ad esempio, i consueti casi delle bombole di gas ad uso domestico, dei pozzetti, delle caldaie, dei bruciatori, dei depositi del carburante, dei serbatoi, dell'eternit e delle pietraie.

La consueta regola del dover osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza (cfr., amplius, il volume ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Mediazione Civile: l'A.T.P. non esclude la mediazione - Trib. civ. Verona: Dr. Vaccari di Paolo F. Cuzzola

Il caso sottoposto all'esame del Tribunale di Verona, nella specie Dott. Massimo Vaccari, e deciso con ordinanza del 19 gennaio 2017 riguardava una società che, a seguito di accertamento tecnico preventivo, conveniva in giudizio una Banca con la quale aveva intrattenuto un rapporto di conto corrente, al fine di accertare l'illegittima applicazione, da parte dell'istituto di credito, di interessi usurari ed anatocistici, chiedendo per l'effetto la rideterminazione del saldo di conto corrente.

Nel corso del giudizio il Giudice chiedeva a parte attrice di voler produrre l'istanza con la quale aveva attivato il procedimento ...

leggi tutto ›
 

12/02/17

Galline in fuga: dell’incidente non risponde l’allevatore – Cass. 1368/17 – Annalisa Gasparre

Una donna rimaneva vittima di un incidente automobilistico mentre era alla guida della propria vettura. Chiedeva il risarcimento all’allevatore proprietario delle galline che erano in strada.

...
leggi tutto ›
 

11/02/17

Il Giudice può disporre la reintegra anche se l’azienda è fallita – Cass. civ. 2975/17 – Valeria Vagnoni

Il Giudice del lavoro, accertata l'illegittimità del licenziamento, può disporre la reintegra nel posto di lavoro anche se è intervenuto il fallimento dell'azienda, potendone comunque derivare benefici in capo al lavoratore licenziato.

La Corte d'appello accertava l'illegittimità del licenziamento per superamento del periodo di comporto intimato dall'azienda in liquidazione del lavoratore, senza però disporne la reintegra nel posto di lavoro od emettere altra pronuncia sulle conseguenze economiche dell'invalidazione del recesso poiché, nelle ...

leggi tutto ›
 

10/02/17

I bambini in età prescolare devono essere vaccinati – di Valeria Cianciolo

Nota a T.A.R Friuli Venezia Giulia 16 gennaio 2017, n. 20

 Dopo due secoli di lento ma inesorabile avanzamento delle vaccinazioni e di quasi completa eradicazione di molte e terribili malattie, si assiste ora ad una regressione della copertura vaccinale

Le ragioni sono molteplici:

- l’irrazionalità diffusa per cui le dimostrazioni ragionevoli e scientifiche sembrano al contrario rafforzare le persone diffidenti nel preesistente pregiudizio;

- l’individualismo prevalente, che porta a dimenticare gli obblighi versa la collettività;

- la crisi di autorevolezza dei medici e la fru ...

leggi tutto ›
 

10/02/17

Gli obblighi di manutenzione della cosa locata e conseguenze in caso di inadempimento nei rapporti tra le parti e nei confronti dei terzi (Cass.9.6.2016 n. 11815).-Antonio Arseni

L'obbligo del locatore di effettuare le riparazioni necessarie per mantenere in buono stato locativo l'immobile affittato riguarda gli inconvenienti eliminabili nell'ambito delle opere di manutenzione e non può, quindi, essere invocato per rimuovere guasti o deterioramenti rilevanti, nel qual caso la tutela del conduttore è attuabile solo attraverso la domanda di risoluzione contrattuale o quella di riduzione del canone di locazione.Sulla base del principio di cui all'art. 2051 C.C., la disponibilità giuridica e materiale della res locata, che ha dato origine al danno sofferto da un terzo, comporta la responsabilit ...

leggi tutto ›
 

09/02/17

Amministratore di un’azienda agricola condannato per “abbandono” di animali – Trib. Campobasso, 4.4.2016, Dr. Scarlato – Annalisa Gasparre

L’imputato, amministratore unico di un’azienda agricola, è stato condannato per detenzione di 33 animali in condizioni incompatibili con la loro ...

leggi tutto ›
 

09/02/17

Distanze e confini: il muro divisorio non può dar luogo all’esercizio di una servitù di veduta? - Riccardo Mazzon

L'esistenza di un'opera muraria munita di parapetti e di muretti dai quali sia obiettivamente possibile guardare e affacciarsi comodamente verso il fondo del vicino, ancorché trattasi di opera che abbia pure funzione divisoria è sufficiente a integrare una veduta e il possesso della relativa servitù.

Anche il muro divisorio - nella pronuncia che segue, ad esempio, in applicazione del riportato principio la Suprema Corte ha escluso che l'innalzamento di un muro divisorio, in modo da precludere la stessa "inspectio" sull'altro fondo - e precisamen ...

leggi tutto ›
 

07/02/17

Alzheimer: i famigliari sono tenuti a pagare il 50% della retta alberghiera – Trib. Bologna 11.11.16 – Alceste Santuari

Per l’assistenza prestata alla madre affetta da Alzheimer in una RSA (gestita da ASP e cooperativa sociale) gli eredi devono pagare il 50% dei costi.

Il Tribunale ordinario di Bologna, sez. II civ., con ordinanza dell’11 novembre 2016, è intervenuto su un tema che già è stato trattato su questo sito (cfr. https://www.personaedanno.it/malati-fisici-psichici/alzheimer-non-pagano-ne-i-famigliari-ne-il-comune-ma-il-ssn-cass-4458-12-alceste-santuari).

...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity