Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Interessi protetti

25/03/17

Banca varia il tasso di interesse unilateralmente: è lecito? – Cass. 9129/16 – Annalisa Gasparre

La banca, esercitando lo jus variandi, utilizza un parametro diverso da quello pattuito e varia il tasso di interesse.

leggi tutto ›

 

23/03/17

Distanze, confini, luci e vedute: la trasformazione del tetto in terrazza - Riccardo Mazzon

Idoneità di terrazze, lastrici solari e simili a configurare veduta? Trasformazione del tetto in terrazza? Al fine di configurare la veduta di terrazze, lastrici solari e simili, è necessario che queste opere, oggettivamente considerate, abbiano quale destinazione normale e permanente, anche se non esclusiva, quella di rendere possibile l'affacciarsi sull'altrui fondo vicino.

Ulteriori considerazioni merita, inoltre, l’argomento relativo all’idoneità a configurare veduta di terrazze, lastrici et simila:

...

leggi tutto ›
 

17/03/17

Il buon governo dei principi giurisdizionali – Cass 6844/17 - Michela del Vecchio

La valutazione dei fatti da parte del Giudicante facendo un buon governo dei principi giurisdizionali non consente un esame in sede di legittimità della decisione adottata in quanto fondata su argomentazioni prive di vizi logici.

 Recentemente ho letto una decisione della Suprema Corte (sentenza 6844 del 16 marzo 2017) che, regolamentando una controversia in tema di risoluzione contrattuale e risarcimento danni per inadempimenti, in diversi passaggi testualmente affermava: " La Corte distrettuale, nell'adeguarsi al principio statuito da questa Co ...

leggi tutto ›
 

17/03/17

Condominio: servitus altius non tollendi, ovvero il divieto contrattuale di sopraelevare - Riccardo Mazzon

Il divieto di sopraelevazione, stabilito contrattualmente (ad esempio, regolamento condominiale contrattuale o, anche, divieto inserito nei singoli atti di acquisto degli immobili di proprietà individuale), integra una servitus altius non tollendi.

La conseguenza è che non sarà possibile subordinare la tutela giuridica di tale servitù all'esistenza di un concreto pregiudizio, derivante dagli atti lesivi, dato il carattere di assolutezza di questa situazione giuridica soggettiva (cfr., amplius, il capitolo dodicesimo del volume "La responsabil ...

leggi tutto ›
 

17/03/17

Beneficio d'inventario: il chiamato all’eredità che sia in possesso dei beni ereditari - Riccardo Mazzon

In generale, nel caso di morte di una delle parti in corso di causa la legittimazione a stare in giudizio - salvo che nelle particolari ipotesi di cui agli art. 460 e 486 c.c. - si trasmette non già al chiamato all'eredità, bensì, in via esclusiva, all'erede.

Peraltro, durante i termini stabiliti dalla legge o dal giudice (cfr. il paragrafo 4.2., capitolo quarto, del volume "MANUALE PRATICO PER LA SUCCESSIONE EREDITARIA", Riccardo MAZZON 2015) per fare l'inventario e per deliberare, il chiamato all’eredità - che sia in possesso dei b ...

leggi tutto ›
 

09/03/17

Ripartizione delle spese condominiali: esempi inconsueti - Riccardo Mazzon

Tassa comunale di occupazione di suolo pubblico, approvazione del bilancio, intestazione conto corrente, istituto di credito quale condomino, voto favorevole presunto: le spese necessarie per la conservazione delle parti comuni dell'edificio, il godimento delle stesse parti comuni dell'edificio, i servizi prestati nell'interesse comune, le innovazioni deliberate dalla maggioranza, sono sostenute, da tutti i condomini, in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione.

Peraltro, quando si tratti di cose ...

leggi tutto ›
 

06/03/17

Stipulare contratti: la responsabilità precontrattuale della Pubblica Amministrazione - Riccardo Mazzon

Anche nel processo amministrativo, la parte che invoca la responsabilità precontrattuale è tenuta a provare non solo che il comportamento di controparte esula dai limiti della buona fede e correttezza postulati dall'art. 1337 c.c., ma anche a fornire la prova dell'esistenza e dell'ammontare del danno effettivamente sofferto.

Particolarmente cospicua ed interessante risulta essere la giurisprudenza in tema di configurabilità della responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione laddove, a tal fine, non si deve tener conto della le ...

leggi tutto ›
 

06/03/17

Distanze e confini: l’impianto di gas propellente liquido - Riccardo Mazzon

In materia di impianti di gas propellente liquido non è invocabile il c.d. principio della prevenzione e il titolare di un impianto di gas propellente liquido è obbligato ad osservare le prescrizioni di cui all'art. 890 c.c. indipendentemente dalla circostanza che sussistano, o meno, manufatti nel fondo finitimo.

In particolare, è bene ricordare che, in materia, non è invocabile il c.d. principio della prevenzione (amplius, cfr. capitolo nono del volume leggi tutto ›

 

23/02/17

Distanze e confini: vedute in appiombo e finestre che si aprono esternamente su muri perimetrali comuni - Riccardo Mazzon

La veduta laterale, che ricorre quando il confine del fondo del vicino ed il muro dal quale si esercita la veduta formano un angolo di 180 gradi, può essere esercitata, oltre che di lato, anche in basso, verticalmente, assumendo, così, le caratteristiche della veduta in appiombo.

 Situazione tipica, risolta dalla giurisprudenza, è quella della veduta c.d. in appiombo,

"il proprietario del singolo piano di un edificio condominiale ha diritto di esercitare dalle proprie aperture la veduta in appiombo fino alla ...

leggi tutto ›
 

21/02/17

Condominio: il perché dell'indennità di sopraelevazione - Riccardo Mazzon

Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio condominiale, che costruisce uno o più piani in aggiunta a quelli preesistenti, è tenuto a corrispondere ai proprietari degli altri piani l'indennità prevista dal comma 4 dell'art. 1127 c.c..

L'indennizzo ex art. 1127, comma 4, c.c. da parte di chi eleva nuovi piani (anche solo con un aumento della superficie e della volumetria di locali preesistenti, indipendentemente dall'innalzamento dell'altezza del fabbricato preesistente: cfr., amplius, il capitolo dodicesimo del volume "La responsabilità n ...

leggi tutto ›
 

15/02/17

Condominio: il condomino può rifiutare il pagamento delle spese in caso di cattivo funzionamento del servizio? - Riccardo Mazzon

Il singolo condomino non è titolare nei confronti del condominio di un diritto di natura sinallagmatica sicché egli non può rifiutare il pagamento, né pretendere la restituzione dei contributi versati, in caso di cattivo funzionamento del servizio fornito.

Il singolo condomino non è titolare, nei confronti del condominio [e a differenza del rapporto che lo lega all'amministratore: ad esempio, l'inerzia dell'amministratore a fronte delle segnalazioni dei singoli condomini in ordine alla scarsa efficienza del servizio di pulizie, nonché le dila ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Trattative precontrattuali e buona fede: effetti concernenti risoluzione per inadempimento e ambito penale - Riccardo Mazzon

Con buona approssimazione, perché possa ritenersi integrata la responsabilità precontrattuale, è necessario (1) che tra le parti siano in corso trattative; (2) che le trattative siano giunte a uno stadio idoneo a far sorgere, nella parte che invoca l'altrui responsabilità, il ragionevole affidamento sulla conclusione del contratto; (3) che la controparte, cui si addebita la responsabilità, interrompa le trattative senza un giustificato motivo; (4) che, infine, pur nell'ordinaria diligenza della parte che invoca la responsabilità, non sussistano fatti idonei a escludere il suo ragi ...

leggi tutto ›
 

13/02/17

Distanze e confini: le materie umide, esplodenti o comunque altamente nocive - Riccardo Mazzon

Quanto all'identificazione delle materie umide, esplodenti ovvero comunque altamente nocive, la giurisprudenza ha valutato, ad esempio, i consueti casi delle bombole di gas ad uso domestico, dei pozzetti, delle caldaie, dei bruciatori, dei depositi del carburante, dei serbatoi, dell'eternit e delle pietraie.

La consueta regola del dover osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza (cfr., amplius, il volume leggi tutto ›

 

10/02/17

Gli obblighi di manutenzione della cosa locata e conseguenze in caso di inadempimento nei rapporti tra le parti e nei confronti dei terzi (Cass.9.6.2016 n. 11815).-Antonio Arseni

L'obbligo del locatore di effettuare le riparazioni necessarie per mantenere in buono stato locativo l'immobile affittato riguarda gli inconvenienti eliminabili nell'ambito delle opere di manutenzione e non può, quindi, essere invocato per rimuovere guasti o deterioramenti rilevanti, nel qual caso la tutela del conduttore è attuabile solo attraverso la domanda di risoluzione contrattuale o quella di riduzione del canone di locazione.Sulla base del principio di cui all'art. 2051 C.C., la disponibilità giuridica e materiale della res locata, che ha dato origine al danno sofferto da un terzo, comporta la responsabilit ...

leggi tutto ›
 

09/02/17

Distanze e confini: il muro divisorio non può dar luogo all’esercizio di una servitù di veduta? - Riccardo Mazzon

L'esistenza di un'opera muraria munita di parapetti e di muretti dai quali sia obiettivamente possibile guardare e affacciarsi comodamente verso il fondo del vicino, ancorché trattasi di opera che abbia pure funzione divisoria è sufficiente a integrare una veduta e il possesso della relativa servitù.

Anche il muro divisorio - nella pronuncia che segue, ad esempio, in applicazione del riportato principio la Suprema Corte ha escluso che l'innalzamento di un muro divisorio, in modo da precludere la stessa "inspectio" sull'altro fondo - e precisamen ...

leggi tutto ›
 

07/02/17

Successioni ereditarie: natura della proroga del termine per il compimento dell’inventario - Riccardo Mazzon

L’effettuazione dell’inventario è adempimento importante soprattutto per il chiamato all’eredità che, a qualsiasi titolo, sia nel possesso di beni ereditari: egli deve, infatti, fare l'inventario entro tre mesi dal giorno dell'apertura della successione o della notizia della devoluta eredità perché, altrimenti, trascorso tale termine senza che l'inventario sia stato compiuto, il chiamato all'eredità è considerato erede puro e semplice.

 A completamento di quanto spesso precedentemente affermato – cfr., da ultimo, il paragrafo 4.2. ...

leggi tutto ›
 

02/02/17

L'autotutela del conduttore in caso di vizi dell'immobile locato.La ipotesi della autoriduzione del canone di locazione (Cass.27.09.2016 n.18987)- Antonio Arseni.

La sospensione totale o parziale del pagamento del canone di locazione da parte del conduttore è legittima solo se conforme a lealtà e buona fede. Tale ipotesi ricorre quando venga a mancare totalmente o parzialmente la controprestazione del locatore come ad esempio quando in conseguenza della esistenza di vizi dell'immobile lo stesso si presenta in tutto od in parte inutilizzato. In caso contrario, detta sospensione non sarebbe lecita costituendo altrimenti una alterazione del sinallagma contrattuale che determina uno squilibrio fra le prestazioni delle parti. Quindi, in presenza di vizi ch ...

leggi tutto ›
 

02/02/17

Condominio: lo spazio aereo sopra l'edificio e le pertinenze - Riccardo Mazzon

Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio condominiale, che costruisce uno o più piani in aggiunta a quelli preesistenti, è tenuto a corrispondere ai proprietari degli altri piani l'indennità prevista dal comma 4 dell'art. 1127 c.c.

Poiché lo spazio aereo non costituisce un bene giuridico suscettibile di autonomo diritto di proprietà, un titolo che riservi all’originario unico proprietario dell’immobile la “proprietà” di “tutta l’area soprastante al quarto piano del fabbricato”, non è di per sé idoneo ad escludere l'obbl ...

leggi tutto ›
 

28/01/17

Condomino "minimo": quale disciplina quando vi sono due soli condomini? - Riccardo Mazzon

In base all'art. 1139 c.c., la disciplina del capo II del Titolo VII del terzo libro del c.c. (art. 1117 - 1138) è applicabile ad ogni tipo di condominio e, quindi, anche, ai cosiddetti "condomini minimi" e cioè a quelle collettività condominiali composte da due soli partecipanti.

Con riferimento alla ripartizione delle spese necessarie alla conservazione dell'edificio condominiale, è applicabile la disciplina, dettata in materia di condominio, anche se lo stesso è composto da due soli partecipanti.

Pacific ...

leggi tutto ›
 

26/01/17

Non comportarsi secondo buona fede durante le trattative: genera responsabilità extracontrattuale - Riccardo Mazzon

Qualora le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, non si comportino secondo buona fede, rispondono per responsabilità precontrattuale, in violazione della regola di condotta, stabilita dall'art. 1337 c.c., a tutela del corretto svolgimento dell'iter formativo del contratto; trattasi, senza dubbio, di una forma di responsabilità extracontrattuale.

Qualora le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, non si comportino secondo buona fede, rispondono per responsabilità precontrat ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Archivio

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity