Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

/ Articoli, saggi

12/01/12

"AUTONOMIA DEL GIUDIZIO PETITORIO RISPETTO A QUELLO POSSESSORIO" - Riccardo MAZZON

L'autonomia dei due giudizi (petitorio e possessorio; ma vedi, per la definitiva prevalenza del primo, amplius, IL POSSESSO - Usucapione, azioni di reintegrazione e di manutenzione, denuncia di nuova opera e di danno temuto-, Cedam, Padova 2011)), nonché l'assoluta diversità degli elementi costitutivi (causa petendi e petitum) che li caratterizzano, implicano che, nel giudizio petitorio, non possono essere invocati (quanto ad argomentazioni e circostanze da essi risultanti) i provvedimenti emessi in sede possessoria,

...
leggi tutto ›
 

11/01/12

“RIPARTIRE DAL LAVORO È RIPARTIRE DALLA COSTITUZIONE” – Maria CARIELLO

Lavoro e disabilità: Connessione sottile di problemi e di valori - Roma, 3 dicembre 2011

Desidero prima di tutto ringraziare   l’Archivio Centrale di Stato nella persona del dott. Agostino Attanasio e la dott.ssa Letizia Mainella per quest’occasione di riflessione su un tema tanto attuale, perché il lavoro deve avere un posto significativo nell’azione dei governi e nell’agenda delle priorità.

Che tale primato dovesse avere il lavoro per i nostri padri, emerge dalla lettura del testo costituzionale: il lavoro è un elemento fondativo della nostr ...

leggi tutto ›
 

11/01/12

"USUFRUTTO ED OBBLIGO DI CUSTODIA" - Riccardo MAZZON

Sono, per legge (ma è consentita la modifica convenzionale della regola:

“è ammissibile la limitazione convenzionale dell'obbligo di manutenzione e custodia, qualora nell'atto costitutivo sia prevista una clausola che esoneri l'usufruttuario da tali obblighi” Barbero, L'usufrutto e i diritti affini, Milano, 1952, 318),

espressamente poste a carico dell'usufruttuario - cfr., amplius,   ...

leggi tutto ›
 

10/01/12

“L’ AVVOCATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E’ TENUTO A PAGARE LE IMPOSTE SULL’INDENNITA’ PERCEPITA” – Rita ROSSI

Con i tempi che corrono non c'era da aspettarsi di meglio, ma c'è da credere che le casse dello Stato non ne trarranno grande beneficio, dato che parliamo di "indennità" per l'esercizio di una funzione che la legge n. 6 del 2004 qualifica espressamente gratuita.

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad una istanza di chiarimenti in proposito, formulata da un contribuente avvocato.
Il quesito riguardava la natura da attribuire all'indennità che il giudice tutelare può riconoscere all'amministratore di sostegno, se cioè detta indennità debba essere considerata o meno reddito lavorativo, ed in qu ...

leggi tutto ›
 

10/01/12

"LE PROPOSTE DELL'ANTITRUST: AVANTI CON LE LIBERALIZZAZIONI" - Cristina PONCIBO'

COMUNICATO STAMPA

ANTITRUST PROPONE A GOVERNO E PARLAMENTO ALCUNE MISURE POSSIBILI PER FARE RIPARTIRE AL PIU' PRESTO LA CRESCITA ECONOMICA

Dai servizi pubblici locali alle poste, dai trasporti alle banche e all'energia, fino alle professioni e alla semplificazione dell'attività amministrativa: le proposte tecniche dell'Autorità per rimuovere gli ostacoli che ancora si frappongono all'apertura dei mercati e per promuovere la concorrenza. Necessario accompagnare le liberalizzazioni con interventi che garantiscano l'equità sociale e che favoriscano, anche attraverso le opportune riforme del diritto del lavoro, nuo ...

leggi tutto ›
 

09/01/12

"CHE NE E' (E SARA') DEL FEDERALISMO?" - Alceste SANTUARI

Che fine ha fatto il federalismo, “madre di tutte le riforme”? Di esso infatti sembrano essersi perse le tracce. E dire che su di esso non sono mancate (e non mancano) significative convergenze dottrinali e politiche, trasversali agli stessi schieramenti partitici. Si conviene, al riguardo, che è necessario implementare un sistema attraverso cui definire forme di finanziamento – e quindi di spesa – a livello lcoale, collegate alle responsabilità (anche impositive) dei diversi livelli di governo.

 

Ricordiamo che già oggi, al netto di pensioni e interessi, gli enti locali territoriali sono responsabili ...

leggi tutto ›
 

09/01/12

"DA DETENZIONE A POSSESSO: L'ATTO DI OPPOSIZIONE" - Riccardo MAZZON

Quanto al titolo mutato in forza di opposizione posta in essere dal detentore contro il possessore, è pacifico come l'interversione non possa in tal guisa avvenire tramite un mero atto di volizione interna:

“l'interversione nel possesso non può aver luogo mediante un semplice atto di volizione interna, ma deve estrinsecarsi in una manifestazione esteriore, dalla quale sia consentito desumere che il detentore abbia cessato d'esercitare il potere di fatto sulla cosa in nome altrui e abbia iniziato ad esercitarlo esclusivamente in nome proprio, con correlata sostituzione al precedente animus detinendi dell' animus rem si ...

leggi tutto ›
 

02/01/12

‘SPESE NEL PROCESSO CIVILE’ – Rosaria GIORDANO

L’incapacità degli uffici giudiziari di assicurare giustizia in tempi ragionevoli è diretta conseguenza soprattutto dell’eccessivo carico di lavoro degli stessi, determinato a propria volta, specie negli ultimi decenni, nella maggior parte dei sistemi processuali da alcuni fattori economici e sociali che hanno provocato una crisi strutturale della giustizia civile.

Il diritto di accesso al giudice per la tutela delle proprie posizioni giuridiche soggettive è, tuttavia, un diritto fondamentale di ciascun individuo, oggi riconosciuto come tale non soltanto dal ...

leggi tutto ›
 

29/12/11

‘RESPONSABILITA’ DEL SANITARIO’ – Domenico CHINDEMI

È preferibile esperire l’azione civile per il più favorevole nesso causale (51%) ai fini della affermazione di responsabilità, rispetto al processo penale (quasi 100%)

La responsabilità civile è più ampia della responsabilità penale.

Sotto il profilo civilistico, con riguardo alla sussistenza del nesso di causalità fra lesione personale e condotta del medico, ove il ricorso alle nozioni di patologia medica e medicina legale non possa fornire un grado di certezza assoluta, la responsabilità va affermata anche in presen ...

leggi tutto ›
 

29/12/11

‘RESPONSABILITA’ E TRASFUSIONI DI SANGUE’ – Antonio LAMORGESE

Il Tribunale di Roma, adito da 385 emofilici, talassemici e trasfusi contagiati nel corso degli anni ‘80 dai virus dell’HIV nonché dell’epatite B e C, a causa di trasfusioni e dell’assunzione di farmaci emoderivati infetti, con sentenza del 27 novembre 19981 affermò per la prima volta la legittimazione passiva dell’allora Ministero della Sanità per le conseguenze dannose delle omissioni e dei ritardi nell’esercizio dei suoi poteri istituzionali di vigilanza e controllo sull’attività d’importazione, distribuzione e commercializzazione del sangue umano. La sentenza ritenne che il giu ...

leggi tutto ›
 

29/12/11

‘NO FAULT-PLAN E RESPONSABILITA’ MEDICA’ – Luca NOCCO

I recenti e meno recenti arresti giurisprudenziali tengono stabilmente acceso in Italia l’interesse per la materia della responsabilità sanitaria.

È inoltre costante da almeno un decennio l’impressione che il suddetto settore sia dinanzi ad un ‘bivio, e diventa sempre più evidente che le innovazioni giurisprudenziali producano esclusivamente una redistribuzione dei rischi insiti nell’attività medica, senza apprezzabilmente (o minimamente) incidere sul livello di sicurezza delle prestazioni erogate.

Progressivamente, ...

leggi tutto ›
 

29/12/11

‘RESPONSABILITA’ PER DANNO DA FARMACI’ – Agnese QUERCI

Danni da farmaci e da emoderivati infetti…Si tratta di casi che presentano profili di estremo interesse e di grande attualità, non solo poiché coinvolgono centinaia di parti, ma anche perché toccano numerosi punti della problematica della responsabilità civile.

Si tratta di tematiche che, essendo legate allo sviluppo delle conoscenze medico-scientifiche ed essendo poste al crocevia fra diritti fondamentali della persona (in primis quello alla salute) ed ingenti interessi economici, sono di frequente all’attenzione del legislatore (specie comunitario) ...

leggi tutto ›
 

29/12/11

"LA MANOVRA MONTI E LE MODIFICHE AL CODICE DELLA PRIVACY" - Alessandro DEL NINNO

1. Introduzione Il decreto legge 6 Dicembre 2011 n. 201, convertito con modifiche dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214 1, è stato oggetto di approfondite analisi per quanto riguarda le rilevanti misure e innovazioni in materia fiscale, finanziaria, pensionistica, etc. Stante l’ampiezza e l’impatto – anche sociale – di quella che lo stesso Presidente del Consiglio ha definito “una manovra monster” (nota presso il pubblico come “decreto salva-Italia”), sembrano essere passate in secondo piano talune misure di semplificazione il cui impatto pratico potrebbe effettivamente determinare quella riduzione di oneri e adempi ...

leggi tutto ›
 

27/12/11

"CONTRATTO CON EFFETTI PROTETTIVI NEI CFR DEL TERZO" - Mirijam CONZUTTI

Il rapporto obbligatorio è un rapporto che lega due parti  ed ha un contenuto necessariamente complesso. Infatti, accanto alle obbligazioni principali, vi sono le obbligazioni  cd accessorie. Queste obbligazioni attengono alla tutela della persona o dei beni del patrimonio della parte del rapporto obbligatorio ed, eventualmente, dei terzi. La tematica degli obblighi di protezione chiama l’interprete a chiarire se vi può essere inadempimento anche a fronte della violazione di obblighi accessori, quindi, a fronte di obblighi diversi da quelli principali, perché, secondo la tesi tradizionale, solo l’obbligazione principale ...

leggi tutto ›
 

27/12/11

'LEGGE SUL FINE VITA ED EUTANASIA' - Adriano PESSINA

Un recente appello firmato da autorevoli personalità del mondo cattolico ha messo bene in luce i motivi per cui si ritiene urgente, oggi, varare la legge sulle "direttive anticipate di trattamento". Personalmente condivido i principi ispiratori di quell'appello, e le preoccupazioni che lo animano. Per questo motivo ritengo utile contribuire alla riflessione con qualche ulteriore annotazione.

Va precisato che la legge che andrà in discussione ha un titolo molto ampio, che rende ragione di un fatto: al suo interno si collocano articoli che riguardano l'eutanasia, i ...

leggi tutto ›
 

22/12/11

Trib. Tolmezzo, 20 settembre 2011, n. 182, G.U. Luongo - "DANNO DA LESIONE ALLA VITA SESSUALE" - Paolo RUSSO

Un uomo rimaneva paralizzato a causa del colposo ritardo nella diagnosi di una rara malattia al midollo spinale.

Non solo l'uomo è stato risarcito dal Tribunale di Tolmezzo per il danno biologico riportato (con la somma di circa € 300.000,00), ma è stata risarcita anche la di lui moglie per il danno, di tipo non patrimoniale/esistenziale, subito alla "vita sessuale coniugale" (con un importo pari a circa € 30.000,00). 

Si ringraziano l'Avv. Barbara Buttò e l'Avv. Maria Poniz per avere messo a disposizione il testo integrale della decisione.

...
leggi tutto ›
 

27/12/11

“INTERVENTO DA BRIVIDO” – Mauro PIETRINI e Marta QUATTRUCCI

Alcuni mesi dopo il nostro trasferimento a Padova abbiamo conosciuto e iniziato a frequentare la Presidente dell’Associazione Amministrazione di Sostegno, la quale è rimasta molto colpita dalla nostra situazione e ha manifestato sin da subito l’interesse per la nostra storia.

Qualche tempo dopo ci venne a trovare a casa e ci disse che avrebbe avuto molto piacere se, al corso di formazione per aspiranti amministratori di sostegno che stava organizzando, avessimo portato la nostra esperienza di vita e di amministrazione di sostegno, poiché la riteneva particolarmente significativa.

All’inizio eravamo molto p ...

leggi tutto ›
 

23/12/11

'SULLA RESPONSABILITA' CIVILE DEL GIUDICE CANONICO' - Beatrice SERRA

L’ordinanza n. 14839/2011, con la quale le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione decidono un ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione, suscita interesse non tanto (o non solo) per il suo esito (l’accoglienza del ricorso), invero predeterminato dai principi generali che reggono la materia, quanto sotto tre diversi profili.

In primo luogo, per la novità della questione. È, infatti, la prima decisione sulla giurisdizione in tema di risarcimento del danno per violazione delle leggi canoniche da parte del giudice ecclesiastico nel processo aven ...

leggi tutto ›
 

23/12/11

"DOLO INDIRETTO ED ABERRATIO NEL CONCORSO DI PERSONE" - Riccardo MAZZON

Una particolare divergenza fra “voluto” e “realizzato” può verificarsi a seguito di errore incidente esclusivamente sulla fase esecutiva del reato (cfr., amplius, "Il concorso di reati e il concorso di persone nel reato", Cedam 2011): si parla, a tal proposito, di reato aberrante: la divergenza fra voluto e realizzato può interessare, ad esempio, la persona offesa dall’illecito (abberratio ictus), l’evento dell’illecito stesso (aberratio delicti), ovvero unicamente il processo causale (aberratio causae).

In ambito penale, v’ ...

leggi tutto ›
 

22/12/11

"REATI EDILIZI. I POTERI DEL GIUDICE PENALE E LA DISAPPLICAZIONE DELL'ATTO AMMINISTRATIVO ILLEGITTIMO" - Fabio PATARNELLO

Premessa

Il tema oggetto di analisi è certamente di grande attualità e interesse; è infatti frequente, nella vita di tutti i giorni, imbattersi in notizie di cronaca, locale e nazionale, relative ad interventi edilizi oggetto di sequestro penale perché realizzati in assenza delle necessarie autorizzazioni e talvolta in spregio a valori ambientali e paesaggistici espressi dal territorio. Ma è proprio l’intima connessione tra la materia “urbanistica-ambientale” e quella “edilizia-penale” a rendere indispensabile una premessa, di carattere generale e somm ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma