Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Diritto commerciale / impresa, società, fallimento
30/08/16

Fusione di srl e messa a disposizione degli atti prodromici - Riccardo Mazzon

Vi sono atti che devono restare depositati in copia, nella sede delle società partecipanti alla fusione, durante i trenta giorni che precedono la decisione in ordine alla fusione medesima.

Devono restare depositati in copia, nella sede delle società partecipanti alla fusione – ovvero pubblicati sul sito Internet delle stesse: tale ultima possibilità risulta dalla modifica apportata, all'articolo 2501 septies del codice civile, dall'art. 1 del d.lgs. 22 giugno 2012, n. 123 -, durante i trenta giorni che precedono la decisione in ordine alla fusione medesima (se alla fusione non partecipano società per azioni o in accomandita per azioni, né società cooperative per azioni, tale termine è ridotto alla metà), salvo che i soci rinuncino al termine con consenso unanime,

“il legislatore recepisce l'orientamento della dottrina che riteneva possibile la rinuncia ai termini da parte dei soci all'unanimità e con il consenso degli amministratori e dei sindaci. Il termine era considerato posto esclusivamente nell'interesse dei soci; anche se si ribadiva il diritto di questi di prendere visione della documentazione di cui all'art. 2501 septies” (Serrao D'Aquino 2003, 434)

e finché la fusione sia decisa:

  • il progetto di fusione, con le relazioni, ove redatte (si veda, amplius, i paragrafi 5. e 6., ventitreeesimo capitolo del volume: "LE SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA - ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI", CEDAM 2013, Riccardo MAZZON);
  • i bilanci degli ultimi tre esercizi delle società partecipanti alla fusione, con le relazioni dei soggetti cui compete l'amministrazione e la revisione legale;
  • le situazioni patrimoniali delle società partecipanti alla fusione, ove redatte, ovvero, nel caso previsto dall'articolo 2501-quater, secondo comma, la relazione finanziaria semestrale.

I soci hanno diritto di prendere visione di tutti questi documenti e di ottenerne gratuitamente copia; su richiesta del socio, le copie gli sono trasmesse telematicamente ma la società non è tenuta a fornire copia dei documenti, qualora gli stessi siano stati pubblicati sul sito Internet della società, dal quale sia possibile effettuarne liberamente copia o stampa (tale ultima possibilità risulta dalla modifica apportata, all'articolo 2501 septies del codice civile, dall'art. 1 del d.lgs. 22 giugno 2012, n. 123):

“per quanto concerne specificamente i bilanci, la dottrina ha posto in evidenza che oggetto del deposito devono essere esclusivamente quelli riferiti ad esercizi chiusi e che sono stati oggetto di approvazione da parte dell'assemblea, con i relativi allegati; ed, inoltre, si è rilevato che quando si utilizza il bilancio d'esercizio in luogo della situazione patrimoniale ad hoc (come consentito dall'art. 2501, 2° co. quater) non è necessario depositare i bilanci degli ultimi tre esercizi” (Gaeta 2007, 1768).

Stampa
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity