Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Diritto tributario / generalità, varie
02/06/16

La riforma dell'IVA in Cina - di Jonas Jia He e Francesco Scozzola

Viene pubblicato in allegato uno studio relativo alla disciplina fiscale di un mercato, quello cinese, di rilevanza non più solo nazionale, ma inevitabilmente internazionale, anche per le imprese italiane, che guardano sempre più ad un'economia che, per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo, si trova ad essere al primo posto per flusso di investimenti esteri.

Tali imprese saranno sicuramente interessate al fatto che dal primo maggio 2016 il regime dell’IVA ha sostituito completamente la vecchia imposta BT (c.d. Business Tax) in tutti i settori economici cinesi.

In passato, la BT ha giocato per anni un ruolo principale nel regime fiscale nazionale cinese.

Quest’ultima, diversamente dal regime dell’IVA che, come noto, viene applicata sul valore aggiunto di ogni fase della produzione, scambio di beni e servizi, generava degli oneri fiscali direttamente sui contribuenti.

Così, comprendendo i benefici che invece l’imposta sul valore aggiunto genera, il governo cinese già nel 2012 ha iniziato un programma di riforma dell'IVA (BT2VAT) al fine di applicare gradualmente il regime dell’imposta sul valore aggiunto nei principali settori di produzione del mercato cinese.

Una delle tappe più importanti di questo percorso durato circa quattro anni è stata l’applicazione dell’IVA nei più grandi settori di produzione nazionali e, in particolare, in quello della costruzione, nell’immobiliare, nei servizi finanziari e nel lifestyle business.

Di seguito, come anticipato, un esame condotto dal direttore finanziario addetto agli investimenti all'estero della multinazionale cinese Jiangsu Zongyi Co. ltd, Mr. Jonas Jia He (nella foto), su questa recente riforma in Cina e un’analisi circa la complessità di attuazione e delle profonde differenze con le best practices occidentali.

La multinazionale cinese Jiangsu Zongyi Co. Ltd è presente anche in Italia e opera nel settore dell’energia, occupandosi altresì di operazioni di import ed export, di fornitura di servizi di catering ed hospitality, di disegn di chip e software.

(Introduzione di Francesco Scozzola, Legal counsel per l'Italia di Jiangsu Zongyi Co. Ltd)

Stampa
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma