Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Famiglia, relazioni affettive

15/02/17

Ancora sulla residenza abituale del minore – Cass SSUU 3555/17 – Michela del Vecchio

La residenza abituale del minore deve essere individuata alla data della presentazione della domanda di affidamento a tutela dell'interesse superiore del minore stesso alla stabilità dei legami affettivi e delle relazioni sociali ed al criterio della vicinanza al luogo – centro dell'integrazione sociale del minore

 

Dell'art. 8 Reg. U.E. n. 2201/2003 si è già trattato in questa rivista ("minore – dimora stabile e domicilio – di Serrao Eugenia) precisando che il concetto di residenza abituale non è def ...

leggi tutto ›
 

24/01/17

Tabelle milanesi come parametro di liquidazione del danno da privazione del rapporto parentale -Trib. Milano 5/10/16 - Alessandra Sarri

Il Tribunale di Milano liquida il danno esistenziale a un padre che è stato illegittimamente privato del diritto di esercitare la paternità per i primi due anni di vita della figlia perché la madre ha condizionato il proprio consenso al riconoscimento alla preventiva regolamentazione della contribuzione al mantenimento e, più in generale, alla regolamentazione dell’esercizio della responsabilità genitoriale.

Il Tribunale di Milano chiamato a pronunciarsi sulla dichiarazione di paternità giudiziale e sulla regolamentazione dell’esercizio della responsabilità genitoriale formulata dalla madre dopo che le p ...

leggi tutto ›
 

23/01/17

Il divieto di sculacciata in Francia e l’uso del battipanni in Italia – di Valeria Cianciolo

Nota a Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 7 dicembre 2016 – 19 gennaio 2017, n. 2669

 In Francia vi è stata gran discussione intorno a quello che i giornali hanno chiamato l’interdiction de la fessée, cioè, appunto il “divieto di sculacciata”, con sondaggi, approfondimenti, dibattiti e pareri di esperti e opinionisti su tutti i principali giornali francesi. Se ne parla da più di due anni: il dibattito è nato dopo la richiesta alla Francia da parte del Consiglio d’Europa di vietare le punizioni corporali, a marzo 2015.

Niente sculacciata o punizione co ...

leggi tutto ›
 

22/01/17

La pubblicità del fondo patrimoniale – di Valeria Cianciolo

“In tema di fondo patrimoniale, la sua costituzione ai sensi dell'art. 167 c.c. è soggetta alle disposizioni dell'art. 162 c.c., circa le forme delle convenzioni matrimoniali, ivi inclusa quella del comma 4, che ne condiziona l'opponibilità ai terzi all'annotazione del relativo contratto a margine dell'atto di matrimonio, mentre la trascrizione del vincolo per gli immobili, ai sensi dell'art. 2647 c.c., resta degradata a mera pubblicità notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acqui ...

leggi tutto ›
 

18/01/17

Al via il fondo di solidarietà per l’ex coniuge in stato di bisogno – di Valeria Cianciolo

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 11 del 14 gennaio scorso il Decreto 15 dicembre 2016 del Ministero della Giustizia.

Diventa operativo il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno previsto dalla Legge di stabilità 2016.

 Cosa prevede la Legge di stabilità 2016

La legge di stabilità per il 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208 – Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato), pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 30 dicembre 2015 ed entrata in vigore il 1° gennaio 2016, ha istituito, al comma 414, “in via spe ...

leggi tutto ›
 

08/01/17

Le donazioni indirette e lo stato dell’arte – di Valeria Cianciolo

Nota a margine dell’ordinanza della Cassazione Civile, sez. II, ordinanza interlocutoria 21 ottobre 2016 – 4 gennaio 2017, n. 106

La Seconda Sezione ha trasmesso gli atti al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, della questione, oggetto di contrasto, concernente gli strumenti utilizzabili per porre in essere una donazione indiretta, ex art. 809 c.c., ed il relativo meccanismo di funzionamento: “Pare al Collegio, qui giunti, che emerga la necessità di ricomporre il quadro frammentato, che si è cercato di descrivere, con l’autorevolezza delle S.U., in quanto oltre alla manc ...

leggi tutto ›
 

05/01/17

Il Tribunale per i Minorenni di Milano non consente l’adozione in casi particolari ai conviventi – di Valeria Cianciolo

È difficile sentire la mancanza di un figlio che non hai mai vissuto” ha detto prosaicamente  nel corso di un’intervista un uomo navigato come Flavio Briatore.

In effetti è così. Un figlio è tuo se lo cresci, lo sgridi se non mangia, sporca con i pennarelli i muri appena imbiancati e lo aiuti a fare i compiti. Il resto è letteratura da Liala.

Una sentenza dell’ottobre 2016 del TM meneghino solleva alcune perplessità.

Sebbene la sentenza sia puntuale e articolata, mi pare rigida e formale.

Ma proviamo a riassumere il fatto.

Un uomo avviava una stabile convivenza con un ...

leggi tutto ›
 

03/01/17

“Maternal preference” e diritto dei genitori a trasferire la propria residenza – di Valeria Cianciolo

Qualche giorno fa la Corte d'appello di Ancona con un decreto del 27/12/2016 - allegata in calce - è tornata a parlare dell’annoso problema del trasferimento di uno dei genitori in altra città, dopo la separazione.

Il Collegio anconetano ha statuito quanto segue: “Di fronte a scelte insindacabili in ordine alla propria residenza compiute da coniugi separati che non comportano la perdita per il solo fatto di trasferire la residenza lontano da quella dell'altro coniuge dell'idoneità ad essere con locatario dei figli minori il giudice a esclusivamente il dovere di valutare se sia più funzionale al preminente inter ...

leggi tutto ›
 

31/12/16

“Ricorribilità dei provvedimenti limitativi della responsabilità genitoriale” – Cass. n. 23633/2016 - Marco TENUTA

La I Sezione della Suprema Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 23633 del 21 novembre 2016, ha modificato radicalmente il proprio orientamento giurisprudenziale inerente la materia dei ricorsi in Cassazione in riferimento ai provvedimenti riguardanti i minori, in particolare quelli ablativi o limitativi della responsabilità genitoriale.

Il tema specifico affrontato è dunque quello dell’ammissibilità o meno della possibilità di impugnare in Cassazione i provvedimenti ex artt. 330 c.c. [1] e 333 c.c. [2], anche se presi in via temporanea e urg ...

leggi tutto ›
 

23/12/16

Sulla prova dell'adulterio per l'addebito della separazione coniugale. Infedeltà apparente ed amore platonico. - Antonio Arseni

Il coniuge tradito deve provare, per l'addebito della separazione coniugale, il fatto della infedeltà, connotato di una efficacia tale da rendere intollerabile la convivenza, mentre il coniuge infedele è tenuto a dimostrare la sussistenza di una pregressa crisi coniugale che abbia avuto come conseguenza la relazione extraconiugale. In un contesto in cui la fedeltà va intesa nel senso più ampio di lealtà e dedizione vicendevole, l'assenza di una prova di "incontri sessuali" del coniuge con una terza persona non è sufficiente ad escludere l'addebito laddove venga comunque dimostrata la s ...

leggi tutto ›
 

13/12/16

Separazione o divorzio in Comune: il divieto di patti di trasferimento patrimoniale tra autonomia delle parti e tutela del soggetto debole - Andrea Falcone

Separazione o divorzio in Comune: il divieto di patti di trasferimento patrimoniale tra autonomia delle parti e tutela del soggetto debole

Nota a Consiglio di Stato, 26 ottobre 2016, n. 4478

Andrea Falcone, Avvocato

SOMMARIO: 1. La massima. – 2. Il caso. – 3. La decisione: accolta la nozione ristretta del divieto di patti di trasferimento patrimoniale. – 4. Le perplessità dell’avvocatura più sensibile in ordine alla tutela del coniuge debole.

1. Il divi ...

leggi tutto ›
 

25/11/16

Convivenza terminata e contestazione sul cane - Annalisa Gasparre

Il Tribunale di Roma ha previsto l'affido condiviso per il cane a seguito della cessazione della convivenza tra due partners. E' stato disposto che il cane vivrà sei mesi con uno e sei mesi con l'altra, prevedendo la facoltà per l'altra parte di vederlo e tenerlo due giorni la settimana, anche continuativi, notte compresa. Il giudice ha chiarito che, pur mancando una normativa ad hoc, dalla proposta latente in Parlamento sul tema, si individua nell'affido condiviso la migliore soluzione in questi casi. 

Le soluzioni sono variegate e contraddittorie. Solo alcuni ...

leggi tutto ›
 

23/11/16

Convivenza come coniugi ed ordine pubblico. Gli Ermellini confermano le Sezioni Unite del 2014 - di Valeria Cianciolo


Convivenza come coniugi ed ordine pubblico. Gli Ermellini confermano le Sezioni Unite del 2014 - di Valeria Cianciolo

La convivenza come coniugi, intesa quale elemento essenziale del « matrimonio-rapporto », che si manifesti come « consuetudine di vita coniugale comune, stabile e continua nel tempo ed esteriormente riconoscibile attraverso corrispondenti, specifici fatti e comportamenti dei coniugi, e quale fonte di una pluralità di diritti inviolabili, di doveri inderogabili, di responsabilità anche genitoriali in presenza di figli, di aspettative legittime e di legittimi affidamenti degli stessi come c ...

leggi tutto ›
 

21/11/16

Assegno divorzile: decorre dal momento della domanda di divorzio se la moglie non gode di altre entrate - Avv. Marcella Ferrari

La legge 898/1970 attribuisce al giudicante il potere di disporre la decorrenza dell’assegno dalla data della domanda di divorzio allorché lo squilibrio reddituale tra i coniugi sia sussistente già al momento della proposizione della domanda stessa.

Commento all’ordinanza della Corte di Cassazione, Sez. VI,15 novembre 2016 n. 23263

La vicenda in commento scaturisce dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio pronunciata presso il Tribunale di Genova e dalla contestuale determinazione dell ...

leggi tutto ›
 

16/11/16

Immobile in comodato per famiglia resta alla nuora dopo la separazione dei coniugi” - Cass. 21467/16 – G. Bacchin

In caso di separazione personale dei coniugi il genitore collocatario dei figli cui sia stato assegnato l’immobile di proprietà dei genitori dell’altro, che lo avevano concesso in comodato per soddisfare le esigenze della famiglia, non è tenuto al rilascio sino a quando queste permangono.

 

Nel caso di specie, a seguito della separazione consensuale della coppia, la casa veniva assegnata alla moglie, collocataria di due figli cui, tuttavia, i suoceri, lamentando l’insorgenza di un bisogno urgente e imprevisto, comunicavano poco tempo dopo la volontà di revo ...

leggi tutto ›
 

13/11/16

Il cane nuovo soggetto di diritto – Valeria Cianciolo

Nota a Tribunale di Roma, 15 marzo 2016 n. 5322

Prima o poi doveva succedere che un Tribunale pronunciasse un provvedimento avente ad oggetto l’affidamento di un animale domestico!

Viene da ridere? Forse.

Ma non si può negare che, oggi, il ruolo riconosciuto agli animali all’interno della società, stia subendo un profondo mutamento. La stessa decisione di prenderne uno, un tempo legata quasi esclusivamente alla funzione che quell’animale era capace di svolgere (lavorare nei campi, cacciare, fare la guardia), è in genere connessa alla sola esigenza di avere una compagnia.

leggi tutto ›
 

01/11/16

Sull'addebito della separazione coniugale per violazione del dovere di fedeltà ( Cass. Civ.10823/16 ). Antonio Arseni

L'obbligo di fedeltà riguarda la esclusività del rapporto coniugale e la sua violazione può determinare l'addebito della separazione a condizione, però, che la relazione extraconiugale sia stata la causa della crisi della coppia e della intollerabilità della convivenza e non la conseguenza. Un episodio isolato e remoto di infedeltà, superato da un periodo di convivenza , non sarebbe idoneo a far presumere detta intollerabilità occorrendo, all'uopo, l'elemento della prossimità , il che avviene quando la richiesta di separazione con addebito è avanzata subito dopo l'accertata violazione del dovere di fedeltà, me ...

leggi tutto ›
 

31/10/16

Trib. Benevento, 27 ott. 2016, rel. Quirino Caturano: nome al nascituro e vicinanza al feto nella coppia in disaccordo - Riccardo Mazzon

Il Tribunale di Benevento ha recentemente decisa una questione  relativa al diritto di imposizione del nome del nascituro nel conclamato disaccordo della coppia non coniugata, una volta giunta la dissoluzione della convivenza: il relatore ha differenziato, non solo a livello descrittivo, la nozione di diritto al prenome (o nome in senso proprio), a seconda che sia guardata dal lato di chi deve riceverlo (il bambino) o di chi lo impone; il decreto si occupa anche della questione del diritto del padre di essere vicino alla ex compagna ovvero di far sentire la s ...

leggi tutto ›
 

26/10/16

No alla Maternal preference dal tribunale di Milano – Marcello Adriano Mazzola

1. A fine estate la Cassazione confermò il principio della Maternal Preference.

leggi tutto ›

 

26/10/16

La madre collocataria può trasferirsi altrove con i figli dopo la separazione – Cass. 18087/16 – Giorgia Bacchin

Se l'affidamento è congiunto, il genitore collocatario che, per necessità lavorative, si trasferisce in un'altra città, può portare con se i figli minori.

La vicenda riguarda una madre divenuta magistrato che veniva assegnata ad una sede territoriale distante dal luogo nel quale aveva convissuto sino a quel momento con le figlie.

Secondo la Suprema Corte, chiamata a decidere se tale circostanza possa rendere inidonea la donna ad essere genitore collocatario, ha chiarito che il criterio che privilegia la madre nell'individuazione del genitore presso il quale i figli in età scolare o prescolare vivranno in via ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity