Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

/ sanzioni

16/02/15

"LA VOLUNTARY DISCLOSURE E LA LEGGE N. 186/2014" - Ilaria CORRIDONI

- La collaborazione spontanea con il Fisco e la Legge n. 186 del 2014

- Quali i criteri di applicazione

- Va escluso l'anonimato

 

Con la recente legge n. 186 del 2014 ha visto la luce la procedura di collaborazione spontanea con il Fisco, denominata con l'anglismo "vo ...

leggi tutto ›
 

23/04/14

"BENEFICIO PRIMA CASA: LA SEPARAZIONE NON E' CAUSA DI FORZA MAGGIORE" - Cass. civ., ord., 11-4-2014, n. 8620 - Stefano ROSSI

Occorre premettere che l’agevolazione per l'acquisto della “prima casa”, in tutte le formulazioni succedutesi nel tempo, è subordinata all'acquisto di un'unità immobiliare da destinare a propria abitazione, e postula che l’acquirente abbia la residenza anagrafica (o presti attività lavorativa) nel comune in cui è ubicato l'immobile ovvero - nella previsione di cui alla L n. 549 del 1995, art. 3, comma 131, quale modificato dall’art. 33, 12 co., L. n. 388 del 2000 - che si impegni, in seno all'atto d'acquisto, a stabilirla in detto comune entro il termine di diciotto mesi.

...
leggi tutto ›
 

22/06/12

“FONDO PATRIMONIALE IN FRODE AL FISCO” – Cass. pen. 21013/2012 – Riccardo RICCÒ

Anche se anteriore all’inizio della procedura di riscossione, la costituzione da parte del contribuente-debitore di un fondo patrimoniale - dal quale derivi “idoneo ostacolo” al soddisfacimento della pretesa fiscale - vale a integrare gli estremi del reato p. e p. dall’art. 11 d. lgs. 74/2000: Cass. pen., Sez. III, 31 maggio 2012, n. 21013, Pres. Petti, Rel. ed Est. Gentile.

Peraltro, in quanto il o gli atti distrattivi costituiscono “lo strumento a mezzo del quale è commesso il reato”, i beni che ne sono oggetto “risultano confiscabili ex art. 240 c.p., comma 1 e, come tali, sequestrabili ex art. 321 c.p.p ...

leggi tutto ›
 

02/02/12

“TELEFISCO 2012: SANZIONI RIDOTTE ANCHE SE SALTA L’ADESIONE” - RR

Alla 21.a edizione di Telefisco, l’amministrazione finanziaria ha chiarito che, entro la scadenza del termine per proporre il ricorso avverso l’accertamento dei redditi, portati o ripresi a tassazione, il contribuente può definire il solo aspetto sanzionatorio versando un terzo della somma liquidata (ora sempre contestualmente ex art. 23, co. 29, lett. b, d.l. 98/2011, conv. in l. 111/2011) a titolo di sanzioni, come consente l’art. 17, co. 2, d. lgs. 472/1997.

Ciò anche qualora il procedimento di “accertamento con adesione” eventualmente frapposto non abbia dato esito positivo, e dopo questo (beneficiando cio ...

leggi tutto ›
 

01/04/11

"TIPICITA' E CONCORSO NELLA COLLUSIONE CON MILITARE APPARTENTE ALLA GUARDIA DI FINANZA" - Riccardo MAZZON

In argomento, particolare rilievo è stato dato, in giurisprudenza, all'ipotesi criminosa prevista per i militari della Guardia di Finanza dall'articolo 3 della legge numero 1383 del 1941:
“in materia di reati plurisoggettivi (o a concorso necessario), con riferimento all'ipotesi criminosa prevista per i militari della Guardia di finanza dall'art. 3 l. n. 1383 del 1941, poiché la "ratio" della norma è quella di prevedere una sanzione ulteriore per il militare che contravviene ai suoi doveri, va escluso che la previsione del reato includa anche il fatto del privato con i ...

leggi tutto ›
 

20/01/10

Comm.Trib.Prov. Biella, 20 gennaio 2010, pres. Attimonelli, rel. Levanti - "LE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA SPETTANO ANCHE AL CONIUGE NON PARTECIPE ALL'ATTO" - Paolo BASSO

La sentenza qui segnalata si inserisce nella tendenza giurisprudenziale che, modificando un precedente atteggiamento negativo, si pone ormai nel senso di riconoscere le agevolazioni fiscali “prima casa” anche al coniuge beneficiario dell’acquisto in quanto in regime di comunione legale con l’acquirente, nonostante tale coniuge non sia titolare dei requisiti previsti dalla legge.
La controversia vede l’Amministrazione Finanziaria non riconoscere l’agevolazione fiscale predetta al coniuge privo dei requisiti ma divenuto ugualmente compropr ...

leggi tutto ›
 

13/11/09

Cass. civ., Sez. trib., 13 nov. 2009, n. 24012, pres. Lupi, est. Virgilio – "SCONTRINI, SARACINESCHE E DEFINIZIONE AGEVOLATA" – Riccardo RICCÒ

[…]

l’art. 12, comma 2, del d. lgs. 18 dicembre 1997, n. 471, il quale prevede la sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività ovvero dell’esercizio dell’attività medesima nel caso in cui siano state accertate nel corso di un triennio tre distinte violazioni dell’obbligo di emettere la ricevuta o lo scontrino fisvale, ha carattere speciale rispetto alla norma generale contenuta nell’art. 16, comma 3, del d. lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, con la conseguenza che l’irrogazione di detta sanzione non è impedit ...

leggi tutto ›
 

19/06/09

"LA CONFISCA PER EQUIVALENTE" - Stefano DI LECCE


In tale ambito, si è tuttavia, verificato che la disciplina generale prevista dal codice penale in questa materia risulta, spesso, del tutto inefficace nel determinare la sottrazione al reo di quanto illecitamente conseguito.
Sul punto, in termini generali, la confisca è regolata nel codice penale dall'art. 240 ove si stabilisce che possono essere oggetto di confisca facoltativa le cose che sono il prodotto od il profitto del reato stabilendosi, poi al secondo comma n. 1) la confisca obbligatoria per le cose che costituiscono il prezzo del reato.
A sua volta, l'art. 321, comma 2 c ...

leggi tutto ›
 

11/05/09

"INVIM E PROCURATORE SPECIALE DELL' ALIENANTE" - Marco VORANO

Per quello che concerne l' imposta di registro la pretesa può esser rivolta, secondo l' insegnamento della Suprema Corte (ex pluribus Cass. 3824/1984), sia ai soggetti nel cui interesse fu richiesta la registrazione sia alle parti contraenti (incluso quindi l' avvocato)
Diametralmente diversa l' ipotesi relativa all' INVIM.
Il procuratore dell' alienante non è solidalmente obbligato al pagamento dell' imposta sull' incremento di valore degli immobili su una alienazione a titolo oneroso. (Cass. 14773/2000)
Il distinguo è dovuto alla diversa natura delle imposte.
La prima è im ...

leggi tutto ›
 

19/01/09

"OPERAZIONI REALI MA INTERCORSE TRA SOGGETTI DIVERSI: ATTENZIONE ALLA FALSA FATTURAZIONE" – Manuela PIERATTONI

La Cassazione, sezione penale, allarga l’interpretazione dell'art.1, co.1, lett.a del D.Lgs. n.74/00 sulle fatture a fronte di operazioni inesistenti e chiarisce - con la sentenza n.48039 – che: “con termini fatture o altri documenti per operazioni inesistenti si intendono, secondo il testuale dispositivo normativo, non solo le fatture emesse a fronte di operazioni nella realtà in tutto o in parte inesistenti, ma altresì quelle che riferiscono l'operazione a soggetti diversi da quelli effettivi”…“le fattispecie delittuose di cui all'art.8 del D.Lgs. n.74/00 e dell'art.2 (dichiara ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma