Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Danni / generalità, varie

12/05/17

Quando si parla di danno ingiusto – Michela del Vecchio

L'art. 2043 c.c. recita, come noto, che qualunque fatto doloso o colposo cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui che lo ha commesso a risarcire il conseguente danno provocato.

Sull'interpretazione di danno ingiusto si sono scritte note, sentenze, articolati testi giuridici. Nella propria vita, professionale e non, ognuno di noi ha avuto occasione di affrontare il tema dell'ingiustizia del danno trovandosi a confrontare la situazione rappresentata nel proprio studio con i criteri ed i parametri che dottrina e giurisprudenza hanno delineato per la qualificaz ...

leggi tutto ›
 

22/12/16

SSM: Le nuove Tabelle di liquidazione del danno alla persona -

Presentazione del corso Tabelle milanesi di liquidazione del danno alla persona: nuove proposte?

Riceviamo e pubblichiamo la presentazione del corso organizzato dalla Scuola Superiore della Magistratura aperto agli Avvocati e ai praticanti, ai magistrati togati ed onorari, ai medici - legali e ai periti, agli accademici, agli stagisti, agli studenti delle scuole di specializzazione per le professioni legali.

leggi tutto ›
 

11/12/16

Il risarcimento del danno tra funzione riparatorio-compensativa e deterrente - Claudia Carioti

Con ordinanza in data 16 maggio 2016 n. 9978 la Suprema Corte, riaprendo un dibattito [1] che sul versante dottrinale non si era mai sopito, ha rimesso al Primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la questione circa la compatibilità con l'ordine pubblico delle sentenze straniere applicative dei c.d. punitive damages, [2] ai fini del riconoscimento interno delle stesse ai sensi dell'art. 64 L. n. 218 del 1995.

Nel caso in esame, una società statunitense aveva chiesto alla Corte d’Appello di Venezia che fossero dichiarat ...

leggi tutto ›
 

10/12/16

L’orco in canonica, lettera-recensione – Paolo Zatti

Carissimo Paolo,

 Anzitutto devo chiederti scusa per avere ritardato così tanto a dirti le mie impressioni sul tuo  “L’Orco in canonica”. In realtà l’ho letto da tempo, ma sono stato poi preso da una raffica di cose che mi hanno distolto.

Non occorre che ti dica che ho goduto molto la tua agilissima e immaginosa scrittura,  che naturalmente  ti assomiglia. Nell’alternarsi di voci narranti, ogni volta che a raccontare era il Professore di Pavia  non potevo non vedere il Barbarossa un pò scapigliato che conosco, sentire la tua voce e seguire il volteggio della tua mano destra come quando ti ascolt ...

leggi tutto ›
 

03/11/16

Terremoti, disastro ambientale e principio di precauzione – Maria Rita Mottola

14 febbraio 2012

pubblicavo in commento alla sentenza del Tribunale di Torino sul caso Eternit un articolo riportando parte di un lavoro già in precedenza elaborato (https://www.personaedanno.it/danno-all-ambiente/eternit-disastro-ambientale-prevenzione-o-precauzione-maria-rita-mottola) che puntualizzava la differenza tra principio di prevenzione e di precauzione. L'uno caro alla politica industriale del neocapitalismo selvaggio che pretende per bloccare attività pericolose che ne sia accertata, senza ombra di dubbio, la pericolosità, l'altro a tutela dell'ambiente e dell'uomo che dell'ambiente, come ci ha ricordato Pa ...

leggi tutto ›
 

12/10/16

Immissioni sonore e danno risarcibile – Cass. 20198/2016 – Antonello Negro

La Corte di Cassazione si pronuncia in merito al danno da immissioni acustiche intollerabili.

I proprietari di un immobile citavano in giudizio Trenitalia, proprietaria del fondo confinante, lamentando fastidiosi rumori provenienti da detta proprietà e dovuti allo scorrimento delle ruote sui binari, con immissioni intollerabili e nocive.

In primo grado veniva accertata l’illiceità delle immissioni e Trenitalia veniva condannata sia a realizzare un sistema per limitare l’inquinamento acustico, sia al risarcimento dei danni patiti (liquidati nella misura di Euro 15.000,00 per ciascun attore). ...

leggi tutto ›
 

01/10/16

Il risarcimento del danno endofamiliare, unica forma di tutela per i minori privati del rapporto genitoriale - Giovanni Sicignano

Breve introduzione sulla responsabilità civile in materia familiare

La responsabilità civile in materia familiare è una materia molto densa di implicazione. Dal punto di vista storico, dopo la privatizzazione della famiglia avvenuta con la riforma del 1970, si sono sviluppate diverse forme di responsabilità civile nell’ambito dei rapporti familiari: si pensi a titolo di esempio ad una pluralità di comportamenti che siano lesivi dell’onore e della dignità di un coniuge, oppure si pe ...

leggi tutto ›
 

27/07/16

Responsabilità precontrattuale e contatto sociale qualificato - Cass. n. 14188/16 - Simona Arcangeli

La responsabilità precontrattuale (nella specie, della P.A.) deve essere ricondotta alla categoria della responsabilità contrattuale da “contatto sociale qualificato”, inteso come fatto idoneo a produrre obbligazioni ai sensi dell’art. 1173 c.c., con conseguente applicazione del termine di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 c.c..

La Suprema Corte, dopo aver ricostruito l’evoluzione giurisprudenziale avente ad oggetto la natura della responsabilità precontrattuale (aquiliana, secondo l’orientamento tradizionale, contrattuale secondo l ...

leggi tutto ›
 

24/04/16

Maneggio, incinta colpita dal calcio di un cavallo, ma è stata imprudente – Cass. 8042/16 – Annalisa Gasparre

Una gita si trasforma in un evento drammatico: una donna, incinta al settimo mese, durante una passeggiata in un centro ippico si avvicina troppo a un cavallo che, improvvisamente scalcia provocandole lesioni e… la perdita del bambino.

...

leggi tutto ›
 

04/04/16

"MICROPERMANENTI: CHIAREZZA SUL SIGNIFICATO E PREVALENTI METODI UTILIZZATI"

Si allega il saggio a commento dell'Ordinanza della Consulta del novembre 2015 per una nuova prospettiva di valutazione delle " fattispecie di danno " al significato di "micropermanente" , piu' attinenete alla realta' del concetto di micro danno alla persona ed in linea con i prevalenti metodi utilizzati in molte realta Europee.

leggi tutto ›
 

17/03/16

A 9 anni subisce abusi e ne rimuove il ricordo per 15 anni. Condannato al risarcimento il molestatore - Cass. civ. sez. III 14.03.16 n. 4899 - Daniela Ricciuti

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 15 dicembre 2015 - 14 marzo 2016, n. 4899 - Pres. Ambrosio, Rel. Pellecchia

Molestata a nove anni, aveva rimosso l'accaduto. Con i primi approcci amorosi, a ventiquattro anni aveva recuperato la consapevolezza degli abusi subiti. Le è stato riconosciuto un risarcimento per 200 mila euro. Decisiva la consulenza tecnica.

 

Con la sentenza n. 4899/16, depositata il 14 marzo scorso, la III Sezione Civile della Corte di Cassazione ha conferma ...

leggi tutto ›
 

07/03/16

"CONSIGLI DI LETTURA: RICADUTE CIVILI E PENALI PER IL FATTO COMMESSO DALL'ANIMALE" - Valeria DE FRANCO

 

Tra le letture dello scorso mese di Febbraio "CONVIVERE CON GLI ANIMALI: LE RICADUTE CIVILI E PENALI DELLA RESPONSABILITÀ PER FATTO DELL’ANIMALE" a cura di Annalisa Gasparre. Interessante tassello della Cendon/Book, collana Diritto e Animali, di Key Editore. Testo che ripercorre svariati risvolti per i fatti cagionati dall'animale, inconsapevole protagonista della quotidianità umana.

 

Quella della responsabilità è una delle branche del diritto pi ...

leggi tutto ›
 

25/02/16

“UN RISARCIMENTO DA 72 MILIONI DI DOLLARI” – Antonello NEGRO

Una giuria del Missouri ha condannato la Johnson & Johnson al pagamento della somma di 72 milioni di dollari in quanto il talco contenuto in un prodotto è stato collegato causalmente alla morte di una donna.

Con una recente pronuncia, una giuria popolare del Missouri (Fox v. Johnson & Johnson, cause No. 1422-CC09012-01, Division 10, Missouri Circuit Court, 22nd Judicial District - St. Louis) ha condannato la Società Johnson & Johnson al pagamento della somma di 72 milioni di dollari in favore dei familiari di una sessantaduenne.

La donna (Jackie Fox) era morta all’età di 62 anni per un cancro ...

leggi tutto ›
     

04/02/16

"L'OPINIONE. CANE MORDE LADRO... CHE CHIEDE IL RISARCIMENTO. VERO? HO UN RAGIONEVOLE DUBBIO" - Annalisa GASPARRE

Ha del ridicolo - ma ne parliamo anche noi, più per costume che per altro - la notizia dell'uomo che ha tentato di introdursi di notte in casa altrui e che ha trovato ad accoglierlo non un altro uomo armato bensì il cane dobermann che lo ha morsicato. Niente di strano, a dire il vero, che un animale morda un essere umano, soprattutto se spaventato o allo scopo di spaventare. Quello che fa sorridere è che il danneggiato sarebbe l'autore di un illecito - la violazione di domicilio è di per sè reato e la posizione si aggrava se sono posti in esse ...

leggi tutto ›
 

24/01/16

"CANE AGGREDISCE DURANTE UNA PASSEGGIATA: RISARCITO IL D.N.P." - Trib. Savona, 16.10.2013

Nel corso di una passeggiata un cane pastore tedesco usciva dal giardino di un'abitazione e si avventava contro una donna urtandola e facendola cadere tra i rovi posti a fianco della via. Ne derivavano lesioni alle ginocchia ed al tronco.

Allontanato il cane, la donna veniva soccorsa dai compagni di passeggiata. Successivamente arrivavano anche i proprietari del cane che, richiamata l'attenzione dell'animale, tornavano alla propria abitazione senza prestare alcun soccorso.

Il Tribunale ha ritenuto provata la responsabilità ai s ...

leggi tutto ›
 

02/11/15

“UNA SENSIBILE INFERENZA: DANNO ESISTENZIALTANATOLOGICO DA MANCATE CHANCES” – Luigi TRISOLINO

-Cass. n. 16993/2015 e Cass. n. 15350/2015: dalla ragion pratica alla ragion pura

-Danno esistenziale tanatologico (e terminale) e leggi di copertura della personologicità avanzata

-Spunti problematici di un’indagine strutturale negli orizzonti dialettici nel sistema dei nuovi diritti

...

leggi tutto ›
 

12/10/15

“LA SAPIENTINA E LA SORELLINA” – Paolo CENDON

Si accorgeva come due fossero, nella sua testa, le Anne portate a confrontarsi - beccandosi ogni tanto fra di loro. La maggiore, quella della coscienza profonda, la “sapientina”; e quella poi che viveva le cose con don Fulvio, la “sorellina”. Uscivano allo scoperto nei momenti difficili, spesso da un po’ di tempo.

“Attenta, mi raccomando!”, cominciava la prima.

“Vediamo che intenzioni ha”, era cauta la seconda.

“Perché ti sta toccando ora?”, entrava nei particolari.

“E’ come un padre”, lo difendeva Annettina.

“Ne sei convinta?”, era scettica la grande.

...
leggi tutto ›
 

13/07/15

“I DANNI PUNITIVI, L'ELEMENTO PSICOLOGICO E LE IMPUGNAZIONI” - Mauro DI MARZIO

Lerici, 26 giugno 2015

 

Sommario: 1. Colpi di testa. — 2. Danni punitivi e punitive damages. — 3. L'impossibile trapianto. — 4. Si fa ma non si dice. — 5. Equivalenza dolo-copla? — 6. Νόμος ὁ πάντων βασιλεύς. — 7. La rivincita delle pene private. — 8. Il danno da lite temeraria: illecito di dolo (o colpa grave) o pena privata? — 9. L'isola travolta dallo tsunami del diritto ed altro. — 10. La funzione sanzionatoria rivisitata. — 11. Testate contro il muro.

 

1. Co ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity
exsigma