Risarcire sino in fondo le vittime,
proteggere le persone fragili, far respirare i nuovi diritti

Danni / danni non patrimoniali, disciplina

23/03/17

Danno non patrimoniale : Lo stato dell’arte - Maria Beatrice Maranò

Danno non patrimoniale : Lo stato dell’arte

Maria Beatrice Maranò

“Scorretto pensare, in ogni caso, di esaurire col semplice richiamo a un barème i discorsi sul valore che una donna può attribuire al proprio seno – non è detto che quella manciata di euro basti sempre, non si possono trascurare nel pregiudizio i particolari di fatto, non tutte le donne sono uguali a questo mondo, non è sicuro che il “danno biologico statico/tabellato” sia tale da esaurire, anche qui, ogni risvolto di esistenzialit ...

leggi tutto ›
 

02/03/17

Funzione empatico-descrittiva delle sentenze – Paolo Cendon

Descrivere/riconoscere con franchezza e dovizia tutti i capitoli del male che è stato arrecato alla vittima. Mi limito qui al settore della responsabilità civile; è evidente come il discorso abbia, però, valenze più generali. Anche diritto di famiglia, minori in genere, lavoro, diritti della personalità, soggetti deboli, istituzioni “cattive”, arroganze della pubblica amminstrazione.

In ciascuna di queste ipotesi, ecco: ci sono casi in cui parlare di funzione ‘reintegratoria’, di funzione ‘preventiva’, di funzione ‘distributiva’, e aspetti simili, non vale a esaurire la gamma degli obietti ...

leggi tutto ›
 

06/02/17

Danno biologico e danno morale all’interno del cd. danno da morte imminente: presupposti e liquidazione

Jacopo Alberghi - Avvocato in La Spezia

I cd. “danni terminali”, di fonte giurisprudenziale, rappresentano le sole poste di danno liquidabili iure proprio alla vittima di lesioni mortali, a condizione che il decesso non sia immediato ma avvenga dopo un apprezzabile lasso di tempo dalle lesioni (cfr. Cass. Sezioni Unite n. 15350/2015).

Si tratta cioè del danno subito dalla vittima in ragione della sofferenza provata nell’avvertire l'ineluttabile approssimarsi della propria fine.

Tale categoria di danno ha conosciuto più di un’incertezza sul piano definitorio, venendo talvolta inquadr ...

leggi tutto ›
 

22/12/16

Perdita della vita: un tema ancora aperto - Patrizia Ziviz

Perdita della vita: un tema ancora aperto - Patrizia Ziviz

 

Tra le pagine più sofferte e controverse di cui si è discusso in tempi recenti, nell’ambito della responsabilità civile, va senz’altro annoverata la risarcibilità della perdita della vita. Il problema rimane ancor’oggi attuale, dal momento che non può ritenersi per alcun verso definitivo l’assetto della materia delineato dalla pronuncia delle Sezioni Unite n. 15350/2015.

 

Sulla questione si segnala la recente pubblicazione del libro “Il danno da morte. Cinque voci per un tema controverso”, a cura di Giuseppe Cr ...

leggi tutto ›
 

19/12/16

Proposta di legge su danno non patrimoniale: le osservazioni di Guido Alpa e Paolo Cendon

E' all'esame parlamentare una Proposta di legge (C. 1063 Bonafede) recante disposizioni concernenti la determinazione e il risarcimento del danno non patrimoniale.

La Commissione Giustizia della Camera ha condotto una indagine conoscitiva in merito, raccogliendo le osservazioni dei massimi esperti del settore.

In allegato l'audizione di Guido Alpa, ordinario di diritto civile presso l’Università degli studi di Roma "La Sapienza", e di Paolo Cendon, ordinario di diritto privato presso l’Università degli studi di Trieste. ...

leggi tutto ›
 

01/12/16

Risarcibile il danno non patrimoniale da perdita del nonno (anche se non convivente) - Andrea Falcone

Risarcibile il danno non patrimoniale da perdita del nonno (anche se non convivente)

Nota a Cass., 20 ottobre 2016, n. 21230

Andrea Falcone, Avvocato

SOMMARIO: 1. Le massime. – 2. Il caso. – 3. La decisione. – 4. Osservazioni conclusive.

1. Il danno non patrimoniale da perdita o compromissione del rapporto parentale nel caso di morte o di procurata grave invalidità del congiunto consiste nella privazione di un valore non economico, ma personale, costituito ...

leggi tutto ›
 

19/11/16

Dalla Cassazione un nuovo no alla configurabilità del danno tanatologico - Andrea Falcone

Dalla Cassazione un nuovo no alla configurabilità del danno tanatologico

Nota a Cass., 25 ottobre 2016, n. 21453

Andrea Falcone, Avvocato

SOMMARIO: 1. La massima. – 2. Il caso. – 3. La decisione. – 4. Il danno tanatologico al lume dei più recenti arresti giurisprudenziali.

1. In materia di danno non patrimoniale, in caso di morte cagionata da un illecito, il pregiudizio conseguente è costituito ...

leggi tutto ›
 

11/11/16

Figlio nato malformato, chi e che cosa risarcire – Paolo Cendon

Meglio  una morte tempestiva o meglio una vita difficile?

Una sentenza di Cassazione di qualche tempo fa ha escluso il diritto di un bambino down - nato così dopo che la madre aveva evitato di abortire al terzo mese, essendo stata rassicurata dal ginecologo, cui si era rivolta, circa l’assenza per lei  di rischi di malformazioni fetali – di ottenere dal ginecologo poco diligente (non erano stati prescritti tutti gli esami del caso) il risarcimento del danno.

La sentenza ha suscitato un certo clamore.

Bisogna dire che non c’è tuttavia, in quanto è stato deciso, alcuna novità ris ...

leggi tutto ›
 

14/10/16

Danni punitivi in famiglia e art. 709 ter c.p.c. - Rita Rossi

Sappiamo bene ormai, dopo dieci anni dal loro ingresso nell'ordinamento giuridico, che vi sono oggi strumenti che possono essere maneggiati da avvocati e giudici per incidere in qualche modo sui rapporti tra genitori e figli, laddove uno dei due non rispetti le regole della bigenitorialità e dell'affidamento condiviso.
Si tratta delle misure previste dall'art. 709 ter c.p.c., disposizione introdotta dalla legge n. 54 del 2006.
Con questa disposizione per la prima volta in Italia è stato affrontato un nodo centrale nella gestione delle dinamiche separative.
Il legislatore ha ritenuto, infatti, che dovesse ...

leggi tutto ›
 

12/10/16

Annotazioni in tema di riforma dell'art. 2059 C.C. (Proposta di legge C. 1063) - Patrizia Ziviz

1. Varie appaiono, in questo momento, le riforme sottoposte all’attenzione del Parlamento in tema di tutela della persona. Tra queste, particolare attenzione suscita la proposta di legge – dal titolo “Disposizioni concernenti la determinazione e il risarcimento del danno non patrimoniale” (C. 1063) – in discussione presso la Camera, la quale persegue uno scopo assai impegnativo. Si tratta, infatti, di un intervento volto a novellare il codice, puntando a determinare una sistemazione definitiva, dopo le varie svolte evolutive che nel tempo sono state sancite dalla giurisprudenza, per quel che concerne il sistema d ...

leggi tutto ›
 

06/09/16

Irrilevanza della pericolosità della cosa per applicazione art.2051 c.c. - Cass. Ord. n.17625/2016 - L.Leidi

CASSAZIONE ORDINANZA N.17625 DEL 5/9/2016 

Onere della prova tra danneggiato e custode

Accertamento nesso di causalità rende irrilevante la pericolosità della cosa ex art.2051 c.c.

Risarcimento danni alla salute in seguito a caduta provocata dal manto stradale disconnesso

Nuovamente al vaglio della Suprema Corte, Sezione VI Civile, una questione riguardante il campo di applicazione della responsabilità ex art.2051 c.c., relativo al danno cagionato ...

leggi tutto ›
 

12/07/16

Il danno non patrimoniale - La Cassazione nel 2016 - Emanuela Foligno - Cass. N. 7766 del 20/04/2016 e Cass. SS.UU. N. 3727 del 25 /2/ 2016

 

Il primo semestre dell’anno in corso ha prodotto due importanti pronunzie sul danno non patrimoniale.

La decisione, Cass. 20 aprile 2016 n. 7766, partorita dall’illustre e impeccabile penna del Cons. Travaglino, tratta una particolare vicenda di risarcimento del danno da sinistro stradale.

In primo grado alla vittima è stato liquidato il danno non patrimoniale in misura sensibilmente differente a quello indicato dalle Tabelle, ciò in considerazione dell’importante dann ...

leggi tutto ›
 

13/06/16

Tabelle tribunale di Venezia 2016 per il risarcimento del danno non patrimoniale - Alessandro Menin

Dopo un primo timido approccio alle tabelle Milanesi [1], la Corte lagunare ritorna sui propri passi, aggiornando le proprie tabelle, ferme dal 2013, pur tuttavia inserendo alcune novità che rendono i risarcimenti dell'isola meno "isolati" e più vicini a quelli ormai liquidati nei Tribunali dello Stivale, attraverso le tabelle meneghine.

Certamente l'auspicio era quello di un'ufficiale adozione delle Tabelle del Tribunale di Milano, per una completa uniformazione dei risarcimenti (e per evitare ulteriori riforme in sede di appello,come già in passato avvenuto [2]), tuttavia vi sono alcuni spunti di novità che potranno ...

leggi tutto ›
 

23/05/16

Danni punitivi: la parola alle Sezioni Unite – Cass. civ., ord., 16.5.2016, n. 9978 - Giulia Covotta

La Corte di Cassazione ha ritenuto opportuno un intervento delle Sezioni Unite sul tema della riconoscibilità delle sentenze straniere comminatorie di danni punitivi.

Con l’ordinanza n. 9978/2016, la Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi in tema di esecutività in Italia di una sentenza statunitense in cui era stata comminata una somma a carico di una Società italiana, somma comprendente, tra le altre, una voce riguardante i danni puntivi.

Il caso in esame trae origine da un incidente avvenuto durante in una gara automobilistica nel corso della quale, per un vizio del casco prodotto dalla ...

leggi tutto ›
 

12/05/16

"Errore medico e danni non patrimoniali da lesione della capacità sessuale" - Daniela Ricciuti

La materia del danno da perdita o compromissione della capacità sessuale, conseguente ad errore medico o a fatto illecito del terzo, ha giocato un ruolo importante nell'affermazione della risarcibilità del danno non patrimoniale in generale e in particolare del danno esistenziale, i quali acquistano sempre più rilievo e importanza nei confronti rispettivamente del danno patrimoniale e del danno biologico.

 

"L’ospedale deve risarcire la paziente per lesione della capacità sessuale se dall’errore medico nell’esecuzione ...

leggi tutto ›
 

24/04/16

Danno da vacanza rovinata: risarcito anche il coniuge non coinvolto nel sinistro – Trib. Reggio Emilia 30.3.2016 – Giulia Covotta

Risarcito il danno da vacanza rovinata alla moglie dell’uomo coinvolto in un incidente stradale in seguito al quale la coppia non ha potuto godere della vacanza programmata.

La sentenza in commento è sicuramente una pronuncia molto interessante in ambito di danno (non patrimoniale) da vacanza rovinata definito anche come il pregiudizio conseguente alla lesione dell'interesse del turista a godere pienamente del viaggio organizzato come occasione di piacere e di riposo.

Il danno derivante dalla vacanza rovinata può essere considerato, in senso ampio, come quel danno comprendente ogni aspetto pregiudizievo ...

leggi tutto ›
 

21/04/16

Partita di calcetto a scuola: nessun risarcimento se il danno si verifica in una normale fase di gioco - Cass. 6844/16 - Alfonso Fabbricatore

Cass., sez. III, 8 aprile 2016, n. 6844, Pres. Vivaldi – Rel. Vincenti

In tema di responsabilità ex art. 2048 c.c., non può essere riconosciuto alcun risarcimento alla vittima di un infortunio occorso durante una partita di calcetto a scuola, nell’ora di educazione fisica, qualora il danno sia qualificabile come ordinaria e probabile conseguenza dell’attività sportiva in questione e quindi come un rischio insito in qualsiasi altra attività a carattere sportivo.

Nel corso della partita, un minore riportava la lesione dell’occhio destro con postumi altamente invalidanti a causa di una violenta pa ...

leggi tutto ›
 

07/04/16

L’art. 684 c.p. e il danno non patrimoniale - S.U. 3727/2016 – Giulia Covotta

La pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale di cui all’art. 684 c.p. integra un reato monoffensivo, ma la semplice violazione di detta norma non integra automaticamente un’autonoma pretesa risarcitoria.

Con la recente pronuncia delle Sezioni Unite qui in commento, sono stati affermati tre importanti principi di diritto.

Il caso concerne una richiesta di risarcimento danni promossa da Mediaset S.p.A. nei confronti di un editore per violazione delle norme poste a tutela della privacy e dell’art. 684 c.p. (ai sensi del quale è punito chiunque pubblica, in tutto o in parte, an ...

leggi tutto ›
 

19/03/16

"DANNO DA LESIONE DEL RAPPORTO PARENTALE, CONVIVENZA DI FATTO"- Tribunale di Reggio Emilia, sentenza n.315/2016

Danno da lesione del rapporto parentale- riconducibilità  all’area normativa dell’ art.2059 c.c. – riconoscimento del danno non patrimoniale alla convivente di fatto della madre- nozione di vita familiare ex art.8 CEDU- estensione alle unioni omosessuali- Polizze assicurative infortuni caso morte-  non applicabilità dell’art.1916 c.c..

Il danno da lesione del rapporto parentale va ricondotto nell’alveo dell’art.2059 c.c. e deve essere riconosciuto alla convivente di fatto della madre del soggetto deceduto purchè sussista un signif ...

leggi tutto ›
 

16/03/16

"LIQUIDAZIONE EQUITATIVA DEL D.N.P.: IL GIUDICE DEVE MOTIVARE LA PROPRIA VALUTAZIONE" - Cass. 4377/16 - di A.F.

Cassazione, sez. III Civile, 7 marzo 2016, n. 4377, Pres. Berruti – Rel. Rossetti

La liquidazione equitativa del danno non patrimoniale ex art. 1226 c.c. deve essere motivata dal giudice, tenuto ad indicare l’iter logico adottato per la valutazione dei fatti e per la successiva quantificazione in termini economici del danno, avendo cura di garantire adeguata considerazione alle specificità del caso concreto, attraverso la variazione in più od in meno dei parametri standard. Pertanto la liquidazione del danno effettuata secondo equità può ritenersi sufficientemente motivata, ed è pertanto insuscettibile di ...

leggi tutto ›
 
Joomla SEO powered by JoomSEF

Cosa stai cercando?

Inserisci una parola per cercare i risultati che ti interessano.

Iscriviti per il 2016 a

iscriviti-persona-e-danno

 

Diventa un nostro associato

iscriviti ora 

Associazione Persona e Danno C.F. 90107070329 | Tutti i diritti riservati © 2013-2016 - Realizzazioni Web Altavista - Web Agency | admin - Informativa Cookies

CSS Validity XHTML Validity