Amministrazione di sostegno - Generalità, varie -  Paolo Cendon - 23/05/2019

VIVA L’UFFICIO SPORTELLO / COMUNALE SULLA FRAGILITA’ E L’ADS >> RISPOSTA A GISELLA TRINCAS

=======

Trincas >> Caro Paolo, dissento profondamente con questo tuo post. E te lo dico da Presidente dell'Unasam.
CENDON >>> MI SPIACE, E’ EVIDENTE PERO’ CHE NON MI SONO SPIEGATO

Siamo assolutamente contrari che si affidi la vita delle persone fragili ad amministratori di sostegno esterni alla famiglia.
-- E CHI MAI VUOLE QUESTO?
-- VIVA LA FAMIGLIA FINCHE’ FUNZIONA … E SPESSO FUNZIONA, PER FORTUNA.
-- MA PERCHÉ MAI UN FAMILIARE CHE FA L’ADS NON DOVREBBE GIOVARSI, ANCHE LUI, DI UN SUPPORTO ORGANIZZATIVO PUBBLICO BUROCRATICO-FUNZIONALE CHE GLI SBRIGHI TANTE ROGNE DI BASE,
CHE FACCIA I PAGAMENTI, LE CODE, I RENDICONTI, CHE TRATTI CON LE BANCHE, CHE INCALZI LE POSTE, CHE PROCURI I DOCUMENTI,
CHE GLI FORNISCA (SE VUOLE) ELENCHI DI POSSIBILI IDRAULICI, FABBRI, IMBIANCHINI, ECCETERA ECCETERA

Tranne rare eccezioni decise dal Giudice Tutelare di concerto con la famiglia e il beneficiario. E ancora meno sosterremo la nascita di "sportelli" gestiti da amministratori di sostegno per trovare nuovi clienti.
- L’AMMINISTRATORE LO NOMINA SEMPRE IL GIUDICE TUTELARE, QUESTO OVVIAMENTE NON CAMBIA
- AL MASSIMO L’UFFICIO /SPORTELLO OFFRE AL GIUDICE DEGLI ELENCHI DI POTENZIALI AMMINISTRATORI, FRA CUI IL GT Può SCEGLIERE
– TIENI CONTO, CARA GISELLA, CHE AVENDO UN UFFICIO/SPORTELLO ALLE SPALLE, CHE LO AIUTA, POTRA’ CANDIDARSI A FARE L’ADS ANCHE CHI (FAMILIARE O MENO) ABBIA IN SE’ BUONE QUALITA’ UMANE, AFFETTIVE, EMPATICHE, COMUNICATIVE, CRISTIANE, MA SIA SPAVENTATO DALLE GROSSE ROGNE BUROCRATICHE CHE QUELLA CARICA COMPORTA
-- >>> CI PENSERA’ L’UFFICIO-SPORTELLO A SBRIGARGLIELE, A LIVELLO ESECUTIVO, SOLUTORIO, CARTACEO, IMPIEGATIZIO, RUSPANTE, A 360°

O il finanziamento di associazioni di amministratori di sostegno per svolgere compiti che spettano al Tribunale e ai Servizi Sociali pubblici. A nessun altro.
-- NESSUN FINANZIAMENTO, SE NON PER I COMPUTER, I TELEFONI, LE SPESE VIVE, LE INDENNITA’ PER GLI ADS DI BENEFICIARI INCAPIENTI, COME A BOLZANO, MA NON SOLO ..
-- E, NELLA MIA PROSPETTAZIONE, L’UFFICIO –SPORTELLO SONO ESSENZIALMENTE I SERVIZI SOCIALI, COS’ALTRO SE NO?
-- >> CERTO PERO’ CON IL SUPPORTO DEL VOLONTARIATO, DELLE ASSOCIAZIONI, DEI FAMILIARI ORGANIZZATI, DELLE RISORSE TERRITORIALI
>>> FRA UN PO’ I BENEFICIARI SARANNO UN MILIONE, POI DUE MILIONI, CI RENDIAMO CONTO -- COME PENSARE CHE I GIUDICI POSSANO CAVARSELA DA SOLI? E GLI ASSISTENTI SOCIALI DEL COMUNE DA SOLI POSSONO MAI FARCELA ??? ---

--- TUTTI DEVONO SAPERE COSA STA SUCCEDENDO OGGI: NEL VUOTO E NEL MEZZO COLLASSO ODIERNO, IN CERTI POSTI, STANNO SBOCCIANDO AGENZIE PRIVATE CHE GESTISCONO L’ADS “CHIAVI IN MANO” – “FACCIAMO TUTTO NOI, RICORSO, GESTIONE, TUTTO … BASTA CHE TU PAGHI”
– E QUALCHE GIUDICE ITALIANO STA GIA’ CASCANDOCI, SOLO COM’ E' -- SI APPOGGIA A LORO, A VOLTE NOMINA ADDIRITTURA L’AGENZIA COME ADS – ECCO IL VERO PERICOLO 2019 !!!

Noi riteniamo che questo ruolo debba essere svolto, se necessario (e non promuovendo tale istituto come se fosse la panacea di tutti i mali), principalmente dai familiari o da persona di fiducia del beneficiario.
CERTAMENTE FIN CHE E’ POSSIBILE
-- MA LEGGIAMO I DECRETI IN CUI IL GIUDICE SCEGLIE DIVERSAMENTE, SONO DECINE DI MIGLIAIA
>> QUANTI FORMICAI PIENI DI ODIO E VENALITA’ SONO TALORA LE FAMIGLIE, IN ITALIA, A COMINCIARE DALLA SARDEGNA !!!!!
HAI LETTO SHAKESPEARE, I FRATELLI KARAMAZOF, IBSEN?

Anche perché il compito deve essere svolto a titolo totalmente gratuito.
L’INDENNITA’ (DA CONTENERE, D’ACCORDISSIMO CON TE) E’ PREVISTA DALLA LEGGE, UN RIMBORSO DELLE SPESE VIVE E’ GIUSTO – E UN MINIMO ANCHE PER L’ATTIVITA’ SVOLTE, COSì ANCHE TRATTANDOSI DI UN FAMILIARE, NESSUNA DIFFERENZA
– SEMPRE COL CONTAGOCCE PERO’, CON BUON SENSO – NON E’ UNA PROFESSIONE !!!

Non può essere l'escamotage per garantirsi un reddito alle spalle delle persone fragili.
D’ACCORDO AL 100%, MA NON CENTRA NULLA COL MODELLO ORGANIZZATIVO DI CUI STIAMO PARLANDO – ANZI, IO VOGLIO L’UFFICIO SPORTELLO (DI STAMPO PUBBLICO) PROPRIO COME ANTIDOTO CONTRO GLI AVVOLTOI, I MENEFREGHISTI, I FINTI ANGELI CUSTODI E GLI SCIACALLI

La Legge affida al Giudice Tutelare questo compito e solo il Giudice è garante del buon andamento della misura e solo il Giudice è l'interlocutore diretto delle persone in difficoltà e delle famiglie.
D’ACCORDO, MA L’UFFICIO SPORTELLO E’ AL SERVIZIO ANCHE DEL GIUDICE – L’UFFICIO E’ UN MISTO TRA FATTORINO, ARCHIVISTA, TECNICO DEL COMPUTER, TRAMITE CON LE BANCHE, ESECUTORE, ORGANIZZATORE, SUGGERITORE, DISTRIBUTORE DI INFORMAZIONI
--- ANCHE CONTROLLORE, UN NUMERO CUI I BENEFICIARI SCONTENTI O I FAMILIARI TAGLIATI FUORI POSSONO TELEFONARE, AFFINCHE’ TUTTI SAPPIANO CHE SI STA COMMETTENDO UN ABUSO E AFFINCHE’ IL GT PROVVEDA
– UN ORGANO ANTI-ABBANDONO IN DEFINITIVA
- CERTO BISOGNA CHE LO SPORTELLO SI CONQUISTI LA FIDUCIA DEL GIUDICE
- MA QUESTO NON E’ IMPOSSIBILE, VALGA L’ESEMPIO DI TRIESTE E DI BOLZANO E DI ALTRE CITTA’

… E POI, CARA GISELLA, E’ PROPRIO IL GIUDICE, ORMAI AL 79% UN GIUDICE NON TOGATO, TI RENDI CONTO, CHE A VOLTE (PROPRIO PERCHE’ E’ SOLO, SENZA UN UFFICIO SPORTELLO ALLE SPALLE CHE LO SUPPORTI E GUARDI A QUELLO CHE FA, CHE DECIDE) NON FUNZIONA

-- E ANCHE IL GT TOGATO E’ SPESSO (NEL 20% DEI CASI) UN POVERETTO, UN ACCIDIOSO, UN TIRANNO, UN MORTO CHE CAMMINA, MAGARI PIENO DI PREGIUDIZI, CONSUMATO, DELUSO, SORDO, FRUSTRATO >>> LA MAGGIORANZA NON E’ COSI’ PER FORTUNA

--- E ALLORA BISOGNA CHE CI SIA QUALCUNO CHE INFORMI/DENUNCI AUTOREVOLMENTE, SENZA TIMIDEZZE, SENZA EMOTIVITA’, PROVE ALLA MANO, AVVERTENDO DEL MISFATTO IL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE –
-- UFFICIO- SPORTELLO UGUALE TRASPARENZA, IMPEGNO, CONTROLLO, ATTENZIONE, VERIFICA, CORAGGIO, LIMPIDEZZA, RESPONSABILITA’, DETERMINAZIONE, CONDIVISIONE, SORVEGLIANZA

. Contesteremo quindi qualunque procedura pubblica che vada nella direzione da te auspicata e mi dispiace tanto che tu la stia così fortemente sponsorizzando.
--- E’’ CHIARO CHE NON MI ERO SPIEGATO BENE E SONO CERTO CHE IL TUO TONO SARA’, ADESSO, UN PO’ MENO EMOTIVO, E SARAI ANCHE TU DALLA NOSTRA PARTE, CARA GISELLA

Il nostro interlocutore è il Giudice Tutelare e il Tribunale Civile, non permetteremo una interdizione di massa delle persone fragili.
--- A ME LO DICI, CHE HO APPENA AGGIORNATO IL PROGETTO PARLAMENTARE PER ABROGARE L’INTERDIZIONE !!!
--- SAPPI COL MIO-NOSTRO TESTO ABROGATIVO (RITA ROSSI E’ STATA PREZIOSISSIMA) TUTTI GLI ATTUALI INTERDETTI, MIGLIAIA E MIGLIAIA ANCORA, SCOMPAIONO DI COLPO, DIVENTANDO MAGARI BENEFICIARI DI ADS !!!!! E NON SARA’ POSSIBILE PIU’ FARNE

Noi vogliamo servizi sociali e sanitari efficienti e in grado di rispondere ai bisogni delle persone. L'incapacitazione delle persone va prevenuta non favorita. E questo i servizi pubblici devono fare
E’ PROPRIO LA MANCANZA DI UN UFFICIO-SPORTELLO COME DICO IO CHE (NEL VUOTO E NEL BUIO CHE TANTE VOLTE STA CREANDOSI, ZONA PER ZONA) PROVOCA RISTAGNI, PROLUNGARSI DI INCAPACITAZIONI, MANCATE REVOCHE DI INTERDIZIONI, DISATTENZIONI, CROSTE, OBLIO, RITARDI, OSCURITA’, PICCOLI DELITTI -

BASTAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!!

\\\\\\\