Amministrazione di sostegno - Generalità, varie -  Redazione P&D - 31/01/2012

UNA FONDAZIONE COME ADS- Daniela PIGLIA

La Fondazione Milano Sforzesco è stata costituita l"11 ottobre 1999 dai Soci del Lions Club Milano Sforzesco che desideravano disporre di uno strumento idoneo a realizzare iniziative di solidarietà sociale nel campo della protezione giuridica delle persone fragili. Con l"entrata in vigore della legge 9 gennaio 2004 n. 6, che ha introdotto la figura dell"Amministratore di Sostegno, la Fondazione Milano Sforzesco ha deciso di concentrare la sua attività su questa specifica attività.
La Fondazione ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica dalla Regione Lombardia ed appartiene alla categoria delle ONLUS, le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale ed è stata prima Fondazione ad essere nominata dal Tribunale di Milano Amministratore di Sostegno.

Partendo dal presupposto che l'Amministratore di Sostegno è la persona fisica o giuridica alla quale il Giudice Tutelare affida il compito di realizzare il progetto di vita stabilito per la persona fragile, vigilando sul rispetto dei suoi diritti e sul soddisfacimento dei suoi bisogni, la Fondazione Milano Sforzesco può in concreto essere una realtà ottimale per svolgere il compito di Amministratore di Sostegno. Infatti, essendo una fondazione, assicura la continuità nel tempo, non persegue interessi economici ed è nella condizione di verificare la qualità dei servizi prestati da altri soggetti.

Ancor più specificatamente la scelta della forma giuridica di fondazione è stata prescelta perché:

è un ente con personalità giuridica e questo dà garanzie nei rapporti con l'esterno;
assicura continuità nel tempo;
è composta da una gamma di professionisti;
ha organi collegiali: un consiglio di amministrazione ed un collegio di revisori (entrambi composti da vari professionisti);
non ha finalità di lucro perché i suoi obiettivi sono in linea con quanto disposto dalla legge n° 460/1997 che istituisce le ONLUS; ciò è una garanzia per i beneficiari, ma anche per chi aiuta la Fondazione a svolgere il suo compito (alcuni vantaggi fiscali per chi sostiene economicamente le attività delle ONLUS).
In tal modo si mette a disposizione del territorio un'istituzione che rappresenta un punto di riferimento per la gestione delle Amministrazioni di Sostegno per le quali non è possibile trovare una persona fisica. Ciò è consentito dalla legge 6 del 2004, la Fondazione è infatti un ente compreso nel titolo II del c.c. espressamente richiamato dalla legge in questione. In questo caso la Fondazione risponde al giudice tutelare attraverso il proprio rappresentante legale.

Analogo ruolo può essere svolto anche da altre onlus, fra cui ovviamente anche le Organizzazioni di volontariato e se ne stanno avendo esempi, anche nella rete milanese di INSIEME A SOSTEGNO.

La Fondazione Milano Sforzesco nasce per dare una concreta risposta al problema del cosiddetto "dopo di noi", cioè alle preoccupazioni di tutti i genitori che temono per quello che potrà succedere ad un figlio disabile quando essi non saranno più in grado di occuparsi di lui.

L'Associazione Oltre noi la Vita, capofila del progetto "Insieme a Sostegno" ha supportato e sostenuto a suo tempo la nascita della fondazione e con tale aiuto la Fondazione Milano Sforzesco ha iniziato ad assumere l'amministrazione di sostegno di persone con disabilità ospiti dell'Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone, collaborando con gli educatori e gli assistenti sociali.

Aderendo al progetto Ads Asl Milano "Insieme a Sostegno", la Fondazione partecipa con le proprie specificità ad una iniziativa che come noto ha l'obiettivo di promuovere l'amministrazione di sostegno, non solo fra le persone in difficoltà a causa di disabilità intellettive, ma anche per disagio psichico, patologie degenerative e invalidanti, problemi di dipendenza.

La Fondazione Milano Sforzesco è stata la prima Fondazione ad essere nominata dal Tribunale di Milano Amministratore di Sostegno. Al momento la Fondazione gestisce le amministrazione di sostegno di quindici persone fragili, ed intende proseguire potenziando quanto più rapidamente possibile la sua attività.

A Giulio Vanetti, presidente della Fondazione Milano Sforzesco abbiamo chiesto come vede il futuro della Fondazione: "Un problema reale sono le risorse. La Fondazione finora si è retta sulle risorse di tempo e di denaro dei promotori, ma assumendo dimensioni più significative, questo non basterà. Accanto al volontariato non sarà possibile prescindere dall'avere un minimo di struttura stabile, e questa comporterà inevitabilmente dei costi. Per farvi fronte dovremo ricercare l'aiuto sia dei privati che apprezzino il nostro lavoro, sia degli enti pubblici, specialmente di quelli che operano sul territorio, i quali nello sviluppo di istituzioni come la nostra possono vedere in prospettiva una formula che consenta una riduzione del loro impegno".

La Fondazione Milano Sforzesco è uno dei partner della rete del progetto "Insieme a sostegno" e concorre attivamente allo sviluppo di un sistema ampio e diffuso di protezione giuridica dove le istituzioni preposte, avvalendosi in via sussidiaria della competenza acquisita sul campo dai soggetti del terzo settore e stringendo con essi accordi di collaborazione, lavorino in maniera integrata per sensibilizzare, promuovere cultura, formare e gestire.






Progetto ADS - Territorio ASL Milano :: insiemeasostegno