Cultura, società - Intersezioni -  Maria Rosa Pantè - 11/04/2018

Primavera

Una farfalla gialla sfiora senza
peso la prima primula del prato.
Primavera e profumo
di terra viva. Vola via nel giallo
sfarfallio mi confonde
è primula o farfalla? Primavera:
corrono le nuvole in amore, amano
il vento. Ma il vento ama lo stormire
delle foglie. Esisti, dicono, e suoni.
Esisti e suoni: primavera. Buono
è l’odore della terra bagnata.
Il trillo degli uccelli
nell’aria liquida dopo la pioggia
è primavera primavera. Calda
nel prato marezzato, troppo verde.
È verde che s’invera
soltanto a primavera e nei disegni
sognati dei bambini o dei pittori.
Fiori rosa e gialli, farfalle o fiori?
Fiori azzurri, bottoni che saranno
fiori. E frutti. Preferisco l’inizio
i germogli, appena appena spuntati.
Che saranno? Un colore si indovina:
promessa. Primavera nell’odore
di terra buona. Ho visto il sole, sfera
perfetta, specchiarsi nella pozzanghera,
offrirsi ai miei occhi: nel cielo che corre
come le nuvole e il vento e gli uccelli
radenti il pascolo. I belati acuti.
La farfalla gialla la gialla primula
volano via, unite, e mi stupisce
che ancora vi siano
le primule nel prato. Primavera.

10 aprile 2018