Diritto commerciale - Generalità, varie -  Faccioli Marco - 25/11/2013

LE INFORMAZIONI UFFICIALI SUL DEBITORE - STRATEGIE DI RECUPERO DEL CREDITO - di Marco Faccioli

Le notizie ufficiali sul debitore

 

Se le notizie ufficiose (di cui ho trattato in mio precedente articolo su questo sito http://www.personaedanno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=44001&catid=158) sono, per quanto a volte frammentarie ed incomplete, sempre utili allo scopo, per una più mirata analisi preventiva sull"affidabilitàˆ del cliente (al fine di prepararsi il terreno, in via preventiva, ad una futura azione esecutiva qualora il medesimo si riveli insolvente) oppure, per quel che qui maggiormente interessa, per intraprendere un fruttuoso recupero del credito, non si pu˜ò prescindere dalle informazioni ufficiali reperibili sul mercato.

Notizie ufficiali sono quelle rinvenibili nei pubblici uffici, quali Camere di Commercio, anagrafe, Agenzia del Territorio, Pubblico Registro Automobilistico, catasto, conservatoria dei beni immobiliari, etc.. Trattandosi di pubblici uffici non vi sono particolari difficoltˆà nel reperire tutti i documenti di cui si ha bisogno, ricordando sempre che i medesimi sono soggetti ad un costo, per quanto il più delle volte minimo.

Esaminiamo ora quali sono i principali documenti ufficiali che possono essere utili al creditore per il recupero del proprio credito:

1) La visura camerale: il documento pubblico che elenca i dati principali delle ditte individuali o delle societàˆ svolgenti attivitàˆ commerciale. ƒE' rilasciata dal registro imprese delle camere di commercio in formato cartaceo (oggi esistono programmi che consentono, previo abbonamento a pagamento, di scaricarne copia direttamente da internet) e dalla medesima è possibile rinvenire informazioni quali la dimensione della ditta, il giorno in cui è stata avviata, se è ancora operativa o meno, il numero di dipendenti, l"oggetto sociale, i dati dei suoi esponenti sono stabili o cambiano con frequenza, chi ha potere di firma, ecc. Vi sono due tipi di visure riguardanti ogni singola partita iva, la visura semplice (riportante i dati essenziali della societˆà, come figura al momento della richiesta) e quella storica (riportante i passaggi di proprietˆà e le vicende giuridiche che hanno interessato la societàˆ dal momento della sua creazione a quello della richiesta della visura);

2) I rapporti informativi integrati e le informazioni commerciali: sono documenti che solitamente vengono commissionati da professionisti o societˆà in grado di reperire, con tempestivitàˆ e precisione, informazioni commerciali in ordine al patrimonio ed alla solvibilitˆà di un determinato soggetto. Se i documenti reperibili presso i pubblici uffici sono meramente indicativi (di dove il debitore abbia la sede, di quanto sia il capitale investito nella sua societˆà, di quanti siano i dipendenti, di quale sia l"oggetto sociale etc, senza tuttavia poco o nulla dire circa le condizioni economiche in cui versa), i rapporti informativi focalizzano invece la propria attenzione sulla consistenza economica del debitore, presupposto indefettibile, quest"ultimo, per garantire una proficua esecuzione al creditore. Di solito in un unico rapporto sono integrate le informazioni di carattere patrimoniale unitamente a quelle che sono le (possibili) criticitˆà del debitore e delle di lui aziende, come ad esempio un dettaglio dei protesti e delle pregiudizievoli di tribunale e conservatoria (ipoteche, pignoramenti, ecc.), tanto sull"impresa debitrice che sui suoi esponenti, possibili indici di bilancio utili a valutare l"andamento dell"azienda, l"elenco dei soci e delle loro partecipazioni, etc. I professionisti in grado di realizzare simili ricerche e fornire simili informazioni sono il più delle volte investigatori privati, facilmente rinvenibili sulle pagine gialle o direttamente in rete;

3) I bilanci e gli atti sociali: Il bilancio d"esercizio  un documento contabile, redatto dagli amministratori alla fine di ogni periodo amministrativo, che determina da una parte il risultato economico d"esercizio (reddito) e dall"altra la situazione patrimoniale e finanziaria dell"impresa alla fine del medesimo. Insieme agli atti sociali d"impresa,  uno dei documenti ufficiali che possono fornire indicazioni molto utili per valutare l"andamento finanziario del debitore.

Non appena si saranno analizzati con cura i documenti sopra indicati (o anche solo alcuni), potrà essere valutata la procedura più appropriata ed economicamente conveniente per aggredire il patrimonio del debitore.

(...continua)