Cultura, società  -  Redazione P&D  -  13/08/2022

La continua reperibilità ci rende assenti - Stefania De Canonico

Sono in riunione con Tizio, l'abbiamo concordata da settimane, è davvero importante...suona il cellulare, ora non posso proprio rispondere, richiamerò più tardi...arriva un messaggio whatsapp:" ho provato a chiamarla ma non mi ha risposto", " scusi, sono in riunione la richiamo appena possibile"...un altro messaggio whatsapp:" avvocato ho bisogno di un appuntamento urgente", va bene dopo guarderò l'agenda e gli fisserò l'appuntamento...arriva una mail:" le ho mandato un messaggio whatsapp perché ho bisogno di un appuntamento urgente ma non mi ha risposto", " scusi, sono in riunione, le fisso l'appuntamento appena mi libero"...trin, trin, trin...gruppo mamme dell'asilo, do solo una sbirciata per appurare che non sia successo nulla:" scusate ma non trovate che la modalità di impiattamento dei cibi sia inguardabile! Mio figlio che a certe cose ci tiene, all'asilo non mangia!", che madre degenere che sono, non ho mai dato peso all'impiattamento!...torno a Tizio, mi farò un esame di coscienza dopo...trin, trin, trin...gruppo genitori elementari, che sarà successo?!! " Domani mio figlio compie gli anni e vi aspettiamo tutti alle 15:00 per festeggiare", domani è mercoledì e io il pomeriggio ho appuntamenti dalle 14:00 alle 19:00, mio figlio mi odierà, ....trin trin, trin...gruppo scuole medie, non c'è pace:" si invitano i genitori ad insegnare ai propri figli il rispetto per i propri simili, oggi nota collettiva perché un ragazzo ha minacciato di morte un proprio compagno"...non ce la posso fare! Non posso essere reperibile per tutti sempre o finirò con il non essere presente con nessuno!

Terminato l'appuntamento con Tizio è ora di andare a recuperare i bambini a scuola e tornare a casa.
Rientro ed Inizio a preparare il pranzo ma i clienti della mattina continuano a  chiamare, mi dispiace non rispondere, dopotutto l'acqua per la pasta non bolle ancora, rispondo ad una, due, tre telefonate..." Mamma abbiamo fame!", l'acqua bolle, evapora, chiudo il telefono e :" vi va se oggi ci arrangiamo con degli affettati?"..." Va bene mamma!" E il telefono suona, whatsapp impazzisce, le mail continuano ad arrivare e io sono tesa per quel continuo trillare del telefono...mangio di corsa, i bambini raccontano ma io a volte non sento, presa dai mille pensieri che si annidano dietro quel trillare.
Questo delirio, questa continua reperibilità è ormai la routine quotidiana ma fatico ad essere presente! Allora decido!... Via la connessione, stabilirò degli orari e solo in quelli controllerò le mail e i messaggi whatsapp e se perderò una chiamata richiamerò appena possibile, niente più messaggi per scusare la mia momentanea irreperibilità...non c'è nulla di cui giustificarsi.
Mi riprendo il mio tempo, esco dalla frenesia del virtuale e torno alla lentezza della vita reale, con vantaggio per me, la famiglia e i clienti.
Essere continuamente reperibili fa si che la nostra attenzione sia sempre rivolta a qualcosa di diverso dal vivere il presente.




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati