Cultura, società  -  Redazione P&D  -  15/10/2021

Green pass, Burioni contro i tamponi pagati dallo stato: il paragone

==

Roberto Burioni si è espresso contro i tamponi gratis per i lavoratori per ottenere il Green pass

Pause

==

 

Da venerdì 15 ottobre in Italia sarà obbligatorio munirsi di Green pass per accedere ai luoghi di lavoro, sia nel pubblico che nel privato. L’obbligo per tutti i lavoratori ha sollevato un gran polverone negli ultimi giorni, con il Paese che nel ‘Green pass day’ rischia una paralisi a causa di scioperi annunciati, manifestazioni e assenteismo.

 

Da più parti, tra cui alcune forze politiche, come il segretario della Lega Matteo Salvini e il fondatore del M5S Beppe Grillo, è arrivata la proposta di rendere i tamponi per i lavoratori gratis, cioè pagati dallo Stato.

 

Il governo Draghi ha escluso la possibilità di rendere gratuiti i tamponi per chi non vuole vaccinarsi contro il Covid-19, ma per venire incontro ai lavoratori starebbe pensando a un ulteriore taglio dei prezzi.

 

Contro l’idea dei tamponi gratuiti per ottenere il Green pass si è espresso il virologo Roberto Burioni, che su Twitter li ha paragonati ai condoni fiscali.

 

“Io – scrive Burioni – tra i condoni fiscali e i tamponi gratis ci vedo una cosa in comune: compiacenza dello Stato nei confronti chi non ha fatto il proprio dovere e mancanza di rispetto per chi lo ha fatto puntualmente. E questa cosa non mi piace”.

 

In un altro tweet Burioni spiega che “Il paese è effettivamente diviso. Da una parte i vaccinati (85%), che si ammalano lievemente e contagiano poco. Dall’altra i non vaccinati (15%), che si possono ammalare gravemente e sono estremamente contagiosi. A dividerli un vaccino, molto più sicuro di quelli dell’infanzia”.

 

Il virologo ne ha anche contro i lavoratori portuali, tra i più attivi nelle proteste contro il Green pass: “Per i lavoratori portuali dal 1963 è obbligatoria la vaccinazione antitetanica. Chi non si vaccina non può lavorare. Perché il problema viene fuori solo ora per la vaccinazione contro Covid, un pericolo immensamente superiore a quello del tetano?”.

 

 





Articoli correlati