Deboli, svantaggiati  -  Redazione P&D  -  19/07/2021

Fragilità, disabilità, bisogno – Aree non facili per il diritto - Paolo Cendon

Forme nuove di debolezza - sul piano dell’età, della destrezza informativa, dei saperi e accessi tecnologici – che si affacciano di continuo; e non è detto che le difese rituali, per chi resta colpito, funzionalmente o comunicativamente, saranno sempre utilizzabili.

 

La scarsezza di risorse che incombe, sul piano economico, offuscando i sogni migliori, presso i consigli comunali e regionali; ed è già chiaro come certe garanzie - ad esempio quanto al lavoro dei malati di mente, alla scuola degli allievi con disabilità - non siano generalizzabili oltre una certa soglia, nelle rivendicazioni delle Magistrature più alte.

 

Psichiatri a traslocare, poi, assistenti sociali a cambiare reparto, ogni tanto, giudici a fare carriera: come evitare – se quella orale è la forma con cui i fragili si raccontano di solito -   che ogni cambio fra i custodi migliori, i prediletti, disperda ricchezze preziose?  vanificando automatismi, precomprensioni collaudate negli anni?

 

Sede ideale per ospitare il Grande Cielo: ha i suoi pregi ogni modello, verso che genere di contenitore - fra un’appendice al codice civile, un testo unico di semplici addizioni, una legge quadro di principi, un codice apposito come architettura - orientarsi istituzionalmente?

 

Le idee camminano veloci, le insofferenze si acuiscono in chi soffre; non ci si abitua alle irrisioni, tante suscettibilità appaiono giustificate, gli antidoti allo stigma sono importanti, certe parole si bruciano in fretta e resistono a lungo (avvilenti, stereotipate): che immagini cercare, inventare, discorrendo di cagionevolezza e resilienza, che neo-vocaboli pretendere, come imporli alle istituzioni?

 

 




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Visitatori in aggiornamento.