Amministrazione di sostegno - Amministratore, poteri, doveri -  Letizia Davoli - 29/09/2017

Amministrazione di Sostegno e Anoressia

Un tema delicato e sempre più attuale riguarda la tutela dei soggetti affetti da Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA).

La sentenza del Tribunale di Roma del 06/12/2010 rappresenta ancora oggi un punto di riferimento importante per le chiare e dettagliate motivazioni che supportano la scelta del Giudice di nominare un Amministratore di Sostegno per una donna affetta da anoressia nervosa.

Pur sottolineando il primario diritto all'autodeterminazione di ogni persona, dopo aver analizzato il caso concreto, il Giudice Tutelare, Dott.ssa Serrao, ha deciso di nominare un Amministratore di Sostegno con il preciso compito di "sostenere, persuadere ed indirizzare la beneficiaria con lo specifico obiettivo di realizzarne e mantenerne il ricovero presso un centro specializzato nella cura dei disturbi dell'alimentazione ...".

La connessione tra la libertà di autodeterminazione del paziente e la capacità di quest'ultimo di esprimere una volontà in maniera cosciente e consapevole, rappresenta l'aspetto fondamentale che deve essere approfondito di volta in volta e che non è sempre di facile soluzione.