Interessi protetti - Obbligazioni, contratti -  Riccardo Riccò - 29/09/2020

Sopravvenienza covid (contratti di locaz. comm.) - la Cassazione fa dottrina ma: giudice che vai, diritto che trovi!

Inizio luglio.
L'Uff. del mass. della S.C. pubblica un ragionato articolo/saggio/studio.
Il tema, la questione, è quella, la stessa, ormai, già, "vexata".
 
Regole e principi. Distinguo e precisazioni.
In calce i passaggi più rilevanti/significativi.
 
I giudici non si sono tutti, invero, allineati. Se, per Trib. Roma, V, 25 luglio 2020; Trib. Venezia, I, 28 luglio 2020; Trib. Roma, VI, 27 ago. 2020; Trib. Milano, XIII, 29 sett. 2020, il conduttore che ha dovuto tener chiuso i locali, almeno in via provvisoria e cautelare, non deve corrispondere l'intero canone dovuto, e, per Trib. Roma, VI, 28 ago. 2020, il conduttore di immobile abitativo, moroso perché, messo causa covid in c.i.g.s., non percepisce ancora il sussidio pro-salariale, non può essere sfrattato, per Trib. Milano, VI, 10 giugno 2020; Trib. Pisa, 3o giugno 2020; Trib. Milano, VI, 24 luglio 2020, il locatore può "ex abrupto" escutere la fideiussione ....  
 
Le tante, varie fattispecie, nonostante qualche opinione in contrario, non possono definirsi sulla base del diritto generale, c.d. ordinario. In assenza di regole speciali, emergenziali, davvero dirimenti/efficienti, ognuno predica, a sentimento, così o cosà.
 
Fino a che consti la solvibilità, almeno parziale, del debitore, la soluzione bonaria stragiudiziale deve essere la sola ad essere perseguita. Solidarietà sociale o meno. Concretezza!





Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Cerca sul sito