Cultura, società - Cultura, società -  Paolo Cendon - 07/10/2020

Liberi di fare quello che si vuole ...

\\\\\\\\\\\\\\

Ho raccolto un po’ di voci strane ultimamente, sto valutandole, non so nemmeno io, devo pensarci, voi ci avete già riflettuto, forse qualcosa di buono c’è, mi sento confuso, fatemi sapere …

Ad esempio:

“Siete voi i vigliacchi, ingrati poi, non è vero che la Mafia pensa solo a fare i soldi e a uccidere, neanche la Camorra, siamo noi gli unici che pensano alle famiglie, abbiamo i nostri codici d’onore, teniamo alti i vessilli del Sud, proteggiamo i nostri picciotti, basta persecuzioni con l’art. 41 bis”

“Abbasso le mascherine anti Covid, il virus fa pochi morti, ciascuno deve regolarsi come vuole al mondo, chi ha tanta paura se ne stia a casa sa, io non me la metto mai, come non faccio mai vaccinare i miei figli, dobbiamo affrancarci da queste imposizioni”

“C’è qualcosa di straordinario nella gioventù, a me le ragazzine piccole piacciono, così sottili e delicate, certo bisogna essere gentili, a undici anni una è già in grado di capire però, di desiderare, oggigiorno, se una dice di sì sono affari suoi, lasciatemi in pace”

“I gatti sono bestiacce, secondo me hanno il tavolo dentro, a me piace uscire la notte, ho una lunga canna da pesca con un laccio in cima, riesco a catturarli facilmente, tanto sono dei randagi, poi quello che gli faccio sono affari miei”

“Anche questa storia dei semafori rossi è una mania, gli automobilisti non sono stupidi, del resto il successo delle rotonde come si spiega secondo voi, io in città abolirei tutto agli incroci, che ognuno vada in giro come vuole, fidiamoci!”

“Basta questi divieti di inneggiare ai valori sacri della Patria, il fascismo ha fatto tantissime cose buone, voglio essere libero di celebrarlo a mio piacere, quella volta sì chi in Africa ci rispettavano, abbiamo anche battuto la Francia nel 1940, viva l’Italia!”

“Qualche sberla in famiglia non ha mai fatto male a nessuno, alle donne un po’ di virilità piace, fanno finta di lamentarsi, in realtà certe  checche mollaccione e debosciate sono loro le prime a destarle, basta con queste coercizioni ai padri di famiglia, caldi e muscolosi,  che fanno il loro mestiere di maschi”

“Abbasso l’amministrazione di sostegno, basta con questi vincoli alle persone, sarebbe meglio abolirla, se uno si droga o beve o gioca sono cavoli suoi, anche gli Alzheimer lasciate che vadano dove vogliono, se vogliono morire al freddo sotto un ponte, pazienza, viva la libertà”

“A noi della curva Sud i tatuaggi piacciono, abbiamo le nostre sedi, i nostri riti, le nostre palestre, le nostro motociclette, le nostre fans, comunque le donne sono superflue, è giusto odiare i migranti, qualche pugno in faccia per mantenere l’ordine sui marciapiedi in città è sacrosanta”

Non so cosa dire, sono combattuto, voi vi siete fatti un'idea ...