Diritto, procedura, esecuzione penale - Ordinamento penitenziario -  Carol Comand - 06/12/2020

In tema di soggetti con disabilità ed assistenza in carcere - Cass. pen. 33579/20

Segnalazione di giurisprudenza.

Nella pronuncia che si allega, in cui il ricorso del condannato trova accoglimento per vizio di motivazione, la Corte richiama diverse norme deputate a tutelare i diritti dei detenuti disabili e ricorda che a questi ultimi deve essere garantita - eventualmente anche con la necessaria assistenza - la libera ed autonoma circolazione all’interno dell’istituto.

Si menziona, dunque, la circolare del DAP del 10 marzo 2016 (La condizione di disabilità motoria nell'ambiente penitenziario – Le limitazioni funzionali) in cui, peraltro, si rinnova altresì l’indicazione per l’organizzazione di corsi per care-givers (detenuti piantone).