Cultura, società - Cultura, società -  Paolo Cendon - 07/09/2020

Il culto dei morti

\\\

Nel film di F. Truffaut “La chambre verte”, del 1978, vediamo il protagonista (redattore di un giornale di provincia, esperto in necrologi) il quale sceglie di dedicare, a un certo momento, l’intera sua esistenza al culto dei morti.

Penserà solo alla moglie prematuramente defunta, col suo intenso profilo, da allora in avanti; e insieme ai tanti compagni di scuola caduti in guerra (sulla Marna, lui no invece). Si vestirà con severità, rinunciando ad ogni comodità della vita: rifuggendo, pur non senza esitazioni, dall’amore di una fanciulla rimasta toccata dalla sua malinconia, pronta a donargli il cuore.

Devolverà ogni risparmio a far confezionare statue, a edificare cappelle funebri, piene di ceri e lumini sempre accesi.

Che dire al riguardo?

E’ dubbio se in frangenti simili ci sia materia per interventi “forti” del diritto, a scopo di tutela personale, sanitaria: in casi estremi verosimilmente sì; nelle altre ipotesi vi è spazio comunque (ecco il dato da sottolineare) per le indicazioni che fornisce il senso comune, la morale, la stessa religione.

Sacrosanto onorare la memoria, e le sembianze magari, di chi non è più accanto a noi (pochi fra coloro che hanno perduto una persona cara mancano, dopo il funerale, di raccogliersi a sfogliare vecchie lettere, fotografie, di annusare e accarezzare maglie dismesse).

Male però i languori ossessivi, prolungati nel tempo e nello spazio: non è proprio chi ci ha lasciati a sperare per primo - non che altri occupino il “suo” posto, ma - che vi sia al mondo qualcuno pronto a sollevare chi sta ancora piangendolo (se è vero che l’affetto era reciproco) con nuovi motivi di speranza, altre occasioni per essere felice?