Varie - Varie -  Marco Faccioli - 08/11/2020

GLI SMS A SCOMPARSA

Se tu o qualche altro membro della tua squadra doveste essere catturati o uccisi, l'agenzia negherà di essere al corrente dell'operazione. Questo nastro si autodistruggerà entro cinque secondi.”

Come non ricordarsi il Leitmotiv di Mission Impossible, la serie TV di spionaggio creata da Bruce Geller che ha fatto furore negli anni '60-'70? Oggi, circa 50 anni dopo, WhatsApp rimette mano alla questione della sicurezza dei messaggi, elaborando però un sistema di cancellazione degli stessi più al passo coi tempi ...anche se la sostanza rimane grossomodo la stessa. In occasione del trionfale proclama di pochi giorni fa con cui ha annunciato di aver superato i 100 miliardi di messaggi scambiati (ogni singolo giorno), la popolarissima piattaforma di comunicazione digitale offrirà dunque ai suoi utenti la possibilità di avere più controllo sulle proprie conversazioni. A breve i messaggi, comprese le immagini e i video, potranno avere una scadenza, ovvero essere impostati (da chi li invia) per sparire dopo una settimana. Si inizierà con sette giorni, ma già si pensa che presto potrebbero arrivare altre soglie di scomparsa per i contenuti degli sms. “Monitoreremo i feedback su come le persone useranno la funzionalità e, se necessario, faremo degli aggiustamenti in futuro – ha spiegato un portavoce di WhatsApp – per ora testiamo i sette giorni, ci sembra una giusta via di mezzo fra l'utilità di condurre una conversazione sensata e la voglia di non lasciare testi o contenuti in giro per sempre”. Ci si allinea così non solo a Snapchat, ma anche a Signal, Telegram, Wire e perfino Messenger nelle conversazioni segrete protette da crittografia end-to-end. Ci saranno tuttavia dei limiti nell'utilizzo della funzione “scomparsa”. Nelle chat di gruppo saranno, ad esempio, gli amministratori a decidere se i partecipanti potranno servirsene o meno. L'obiettivo, come è stato spiegato, è quello di rendere le conversazioni su WhatsApp il più possibile simili a quelle fatte di persona, che dopo un po' si “perdono nella memoria” svanendo per sempre. Ma non tutto cambierà: una conversazione con sms a scomparsa non cambierà nulla nella dinamica dell'applicazione e gli utenti potranno inoltrare i contenuti di una chat a scomparsa ad altri interlocutori con cui abbiano avviato una chat tradizionale, col risultato che quei testi o quelle foto rimarranno per sempre memorizzati nella seconda. Idem dicasi laddove l'utente risponda a un messaggio a scomparsa: il suo sms non scomparirà nello stesso momento di quello iniziale. Discorso a parte per i backup delle chat: tutto verrà salvato anche se poi, forse, dovrebbe sparire in caso di un ripristino dal salvataggio ...questo aspetto si capirà meglio nel corso delle settimane a venire. Occhio però ai tempi di lettura: il conto alla rovescia di un messaggio partirà dal momento dell'invio. Per cui, se (per assurdo) dopo una settimana non verrà letto dal destinatario, sarà perso per sempre. La mossa era attesa da tempo dagli oltre due miliardi di utilizzatori di WhatsApp nel mondo, che finalmente saranno più sicuri nello scriversi e nel condividere pensieri, foto e video.