Varie - Varie -  Redazione P&D - 15/09/2020

Giurisprudenza news settembre

\\\

COMPENSO AVVOCATI - Avvocato vs cliente per il pagamento del compenso: come liquidare la somma spettante al legale?

>>>  In tema di liquidazione dei compensi dell’avvocato a carico del cliente, il giudice deve fare riferimento al valore corrispondente all’entità della domanda mentre in caso di liquidazione a carico del soccombente occorre fare riferimento, nei giudizi di pagamento di somme di denaro, alla somma attribuita alla parte vincitrice.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 2, ordinanza n. 18942/20; depositata l'11 settembre)

---

PARTI COMUNI - La revoca del consenso prestato dai condomini ai lavori, intervenuta dopo la loro esecuzione, costituisce un illecito extracontrattuale?

>>>  Il consenso verbalmente prestato dal proprietario di un fondo all’esecuzione, da parte del proprietario confinante, di opere che si risolvano in menomazioni di carattere reale per il suo immobile non determina la nascita di servitù, per la mancanza del requisito dell’atto scritto, richiesto dall’art. 1350, n. 4, c.c., n. 4. Tuttavia, la prestazione e la successiva revoca del consenso possono concretizzare un illecito extracontrattuale ex art. 2043 c.c..

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 18929/20; depositata l'11 settembre)

-----

SUCCESSIONI  -- Divisione unitaria di masse plurime e contestazione da parte di uno dei condividenti

>>>  «Nell’ipotesi di giudizio divisorio avente ad oggetto masse plurime ereditarie provenienti da titoli diversi, la divisione unitaria può avvenire per effetto del consenso comunque manifestato dai condividenti. Il condividente che contesti l’avvenuta divisione unica di masse ereditarie plurime dopo l’effettuazione della stessa sulla base del consenso dei condividenti deve risultare in portatore di un concreto ed effettivo suo interesse leso».

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 18910/20; depositata l'11 settembre)

---

DELITTI CONTRO LA PERSONA - Confessa l'omicidio della moglie e poi ritratta nel corso del processo: condannato

>>> Piena validità alla confessione stragiudiziale ai sensi dell’art. 192 c.p.p., purché sostenuta da altri elementi di giudizio, se verificata la spontaneità del confessore e la genuinità del narrato in relazione all’evento dichiarativo.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 25940/20; depositata l'11 settembre)

----

LICENZIAMENTO - Assenze continue e certificato medico in ritardo: legittimo il licenziamento

>>>>  Respinte le obiezioni proposte dalla oramai ex dipendente di una società cooperativa. Inequivocabile, secondo i giudici, il peso degli addebiti mossi alla donna. Evidenti, quindi, la rilevanza disciplinare della condotta e la proporzionalità della sanzione.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 18956/20; depositata l'11 settembre)