Famiglia, relazioni affettive - Generalità, varie -  Redazione P&D - 07/08/2020

Famiglie, ex famiglie, future famiglie

\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\

 

RAPPORTO CONFIDENZIALE CON UN'ALTRA DONNA: MARITO COLPEVOLE PER LA CRISI CONIUGALE

>>>>  Decisivo il resoconto di un investigatore privato. Il rapporto confidenziale del marito con un’altra donna è elemento sufficiente per dare alla moglie la certezza di essere stata tradita. Consequenziale la rottura della coppia, rottura poi sfociata nella separazione.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 16735/20; depositata il 6 agosto)

------

LE LITI TRA I FIGLI NON RENDONO INTOLLERABILE LA CONVIVENZA: RESPINTA LA DOMANDA DI SEPARAZIONE

>>>  Vittoria per una moglie, oppostasi sin dal principio alla richiesta avanzata dal marito. L’uomo ha spiegato di voler sedare la conflittualità tra i figli e ha poi ammesso che il figlio lo ha portato via di casa contro la sua volontà, quasi a forza, e che avrebbe voluto tornare a vivere con la moglie. Per i giudici, comunque, la intollerabilità della convivenza coniugale non è certamente ravvisabile nei litigi tra i figli.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 16698/20; depositata il 5 agosto)

-------

ADOZIONE DEL MINORE: CONVOCAZIONE E TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEGLI AFFIDATARI

>>>  Ai sensi dell’art. 5, comma 1, l. n. 184/1983, gli affidatari o l'eventuale famiglia collocataria devono essere convocati, a pena di nullità, nei procedimenti di adottabilità dei minori. Non è prevista, invece, disciplina alcuna sulle modalità attraverso cui deve essere disposta tale convocazione; pertanto, non possono essere invocate sanzioni processuali, per la mancata osservanza del profilo della riservatezza degli affidatari stessi.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 16695/20; depositata il 5 agosto)