Cultura, società - Opinioni, ricerche -  Paolo Cendon - 03/01/2021

Esistenza, centro delle persone, del mondo …. anche in tempi di Covid Virus

(perdonare gli anti-esistenzialisti)

 

\\\

 

Il corona virus è un fatto biologico, certo, ma vedete come le realtà che toccano il  corpo siano destinate – quando vanno male - a inverarsi in ripercussioni soprattutto di tipo esistenziale: finire in ospedale, magari,  essere isolati, con le macchine respiratorie addosso, non vedere i propri cari per un po’ di tempo, avere alcune ali tarpate, il lavoro, lo sport, la creatività, i soldi,  il rapporto col cibo, col sesso, coi viaggi, con gli scambi del quartiere, con gli amici …

 

Siamo sempre nell’ambito del danno biologico, beninteso, ma vedete come il danno biologico sia fatto soprattutto di danno esistenziale!

 

E poi c’è l’esistenza che cambia – in peggio – anche quando la vittima non risulta colpita strettamente in un ‘’suo’’  filamento biologico, fisico o psichico. Pensate alla famiglia del contagiato: stanno bene, ma non potranno magari vederlo, parlargli, frequentarlo, E se morirà poi, ecco le ombre del lutto, tipico danno esistenziale: la nonna è morta, chi ti insegnerà il tedesco adesso, chi ti leggerà le fiabe o ti trametterà le ricette del casato?

 

E tutti quanti poi, anche fuori della malattia, o della famiglia. Gialli rossi, arancioni, oggi  non possiamo più fare tante cose, sciare, viaggiare, ballare, andare ai convegni, fare feste, girare film, andare a teatro, basta concerti, stadi vuoti … e tutto il resto !!!

 

Quando trent’anni fa ho cominciato a parlare di ‘’danno esistenziale’’, tanti mi hanno subito sostenuto per fortuna … tanti altri no, però, ricordate?

Pazienza, li perdono, visto che è Natale.